Cronaca

Viviana Parisi, Daniele Mondello smentisce il ferimento di Gioele: «Il parabrezza era già lesionato»

viviana-parisi,-daniele-mondello-smentisce-il-ferimento-di-gioele:-«il-parabrezza-era-gia-lesionato»

Un passo in avanti e due indietro, nell’inchiesta sulla morte di Viviana Parisi e di suo figlio Gioele Mondello. Daniele, il papà del piccolo e marito di Viviana Parisi, ha smentito ufficialmente, con una nota del proprio legale Pietro Venuti, che il parabrezza dell’Opel Corsa avesse il parabrezza lesionato. «Il vetro era già rotto prima dell’incidente avvenuto lo scorso 3 agosto nella galleria “Turdi” sull’autostrada Messina-Palermo. Si era lesionato in un precedente incidente, avuto dalla donna, nei mesi scorsi», ha detto Daniele Mondello.

L’indiscrezione e l’esito dell’autopsia

L’indiscrezione trapelata giovedì, da fonti della Polizia scientifica, aveva fatto pensare che il bambino potesse aver subìto un trauma cranico sbattendo proprio la testa nel parabrezza. Le immagini delle telecamere che hanno agganciato l’Opel Corsa in alcuni passaggi hanno registrato la presenza del bambino, sul sedile posteriore «libero», non legato al seggiolino. Un particolare che avrebbe spinto gli organi inquirenti a ipotizzare un possibile volo di Gioele in coincidenza dell’impatto che l’auto, guidata dalla madre, ha avuto contro un furgone di una ditta di manutenzione stradale. Adesso che questa indiscrezione è stata smentita dalla famiglia le indagini fanno ancora un passo indietro, in attesa di conoscere l’esito dell’esame autoptico sulla scatola cranica del bambino che potrebbe «parlare» e dare qualche risposta sulle cause della morte di Gioele, i cui resti, martoriati dagli animali selvatici, sono stati trovati nel bosco di Caronia, a poche centinaia di metri dal cadavere della madre, morta dopo essersi lanciata da un traliccio. Oggi pomeriggio, intanto, alle 17 è prevista un’ispezione nei casolari della zona dove sono stati trovati i due corpi. La Polizia scientifica effettuerà dei rilievi tecnici, utilizzando il Luminol, nella speranza di poter individuare tracce ematiche, appartenenti al bambino.

28 agosto 2020 (modifica il 28 agosto 2020 | 11:16)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *