udinese-roma-0-1:-pedro-segna-nel-sette,-mirante-para-e-fonseca-si-rilancia

La prima rete italiana di Pedro permette alla Roma di conquistare i primi tre punti in campionato. Sotto gli occhi dei Friedkin, la formazione di Fonseca scaccia gli incubi di rimonta e batte 1-0 l’Udinese alla Dacia Arena. La prima frazione di gioco è un monologo della Roma con quasi il 60% del possesso palla. Eppure le occasioni da gol si equivalgono con due chance nitide da gol a testa. La prima è della Roma: al 15’ Spinazzola dalla sinistra traccia un tiro cross per Pellegrini che al momento della battuta è anticipato all’ultimo da Pereyra. La risposta dell’Udinese è affidata a Lasagna che al 20’ da fuori area lascia partire un mancino che impegna Mirante. Ma nonostante il grande spavento per i due portieri, non sono queste le chance più nitide dei primi quarantacinque minuti: al 22’ Pellegrini lancia Dzeko che guadagna spazio rispetto a Becao ma a tu per tu con Musso spara altissimo, confermando le indecisioni sotto porta già viste contro la Juventus.

L’Udinese però risponde colpo su colpo e al 43’ sfiora il vantaggio con una doppia occasione: Lasagna fugge verso la porta ma viene recuperato e disturbato da Ibanez al momento del tiro, sugli svilluppi della stessa azione Pereyra prova a beffare Mirante con un pallonetto che viene salvato dallo stesso centrale brasiliano sulla linea. Nella ripresa la Roma si affida al solito pressing alto e alla classe dei suoi interpreti. Un mix di questi fattori porta all’1-0: al 55’ Becao, pressato, sbaglia un passaggio in orizzontale e regala palla a Pedro che da fuori area batte Musso con un destro che entra in porta con l’aiuto del palo. Al 68’ c’è la risposta dell’Udinese: Lasagna penetra in area e calcia a botta sicura, Mirante si oppone in due tempi e replica sul tap in sotto porta del neo entrato Forestieri. La Roma ha meno sicurezza in difesa e un minuto dopo c’è l’altra occasione dei friulani: Ibanez sbaglia l’anticipo su Okaka, l’ex di turno da buona posizione calcia fuori nell’ultima vera chance per i friulani che pagano ancora una volta la poca concretezza sotto porta.

Articolo in aggiornamento

3 ottobre 2020 (modifica il 3 ottobre 2020 | 22:41)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *