terni,-trovati-morti-in-casa-due-amici-di-15-e-16-anni:-fermato-un-41enne

Due corpi senza vita di due amici di 15 e 16 anni, ritrovati dai rispettivi genitori nelle loro camere da letto a Terni. La disperazione dei familiari, la telefonata ai carabinieri che, in serata, hanno fermato un ternano di 41 anni con l’accusa di avere ceduto un mix di sostanze che ha provocato morte dei due minorenni. Il procuratore di Terni, Roberto Liguori, che coordina le indagini ha parlato di «dichiarazioni dirimenti e convergenti» alla base del quadro accusatorio. In casa sua sarebbe stato sequestrato materiale ritenuto di interesse investigativo. Sui cadaveri non sono stati trovati tracce di violenza o altre indizi evidenti e si attendono i risultati dei test tossicologici Dalle prime testimonianze, raccolte dai militari, i due ragazzi avrebbero trascorso insieme la serata di ieri e, poi, avrebbero fatto rientro nelle rispettive abitazioni.

Le indagini

I militari del comando provinciale di Terni, da subito, avevano ipotizzato che le morti potevano «essere collegate all’assunzione di sostanze droganti». Per questo motivo sono stati disposti dei test tossicologici sulle salme. Gli investigatori, coordinati dalla procura, stanno indagando per ricostruire la serata di lunedì e, specialmente, cosa è accaduto nelle ultime ore. I fari sono puntati sul contesto delle amicizie delle vittime.

Le reazioni

La città è sotto choc. Per il sindaco Leonardo Latini si tratta di «una tragedia immensa, non posso far altro che stringermi al cordoglio della famiglia dei due giovani. Sono diventato papà da pochi giorni e non oso immaginare il dolore di un genitore che ritrova il corpo senza vita del proprio figlio nel letto. Oggi per Terni e per i suoi cittadini è una giornata di lutto». Il primo cittadino va oltre e parla delle ipotesi investigative. «Droga? Non è il momento di fare polemica ora, ma è chiaro che se dovesse essere confermata questa ipotesi riemergerebbe, ancora una volta, un problema molto serio che, insieme a tutte le forze dell’ordine, stiamo cercando di combattere con ogni mezzo a disposizione».

7 luglio 2020 (modifica il 7 luglio 2020 | 22:47)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *