SPECIALE PAOLO ROSSI / Il nostro Pablito

speciale-paolo-rossi-/-il-nostro-pablito

Firenze, 11 dicembre 2020 – Paolo Rossi non c’è più. Era il fratello maggiore di tutti noi, cresciuti negli anni Ottanta con Pablito negli occhi. Lo sguardo vispo eppure dolce, la voce, la sua voce, come una cantilena da cui farci cullare. Il classico ragazzo perbene che ha fatto innamorare l’Italia una sera di luglio del 1982, e che l’ha accompagnata fino a ieri. Parleremo di Pablito perché davvero lo sentiamo come uno di famiglia, il suo sorriso accompagnerà le nostre vite per sempre. Il goleador gentile e infallibile ha trasportato il Paese da una fase storica di sofferenza a un periodo di benessere, di gioia. Non parliamo solo di calcio, perché avevamo a cuore più Paolo di Pablito Mundial.

L’umiltà dei grandissimi ha attraversato la sua vita fino all’ultimo e – lo ripetiamo per paura di dimenticarlo – con quel sorriso che scaldava il cuore. Ha fatto sognare non una ma tre generazioni di tifosi, ma il Paolo che ricordiamo meglio (e più volentieri) è quello emozionato come un bambino nel giorno del suo matrimonio, quando ricevette gli amici nel buen retiro di Poggio Cennina. Lì allora capimmo fino in fondo la sua grandezza: l’eroe di Spagna ’82, un uomo normale. Un’altra cifra del suo carattere, l’allegria, la risata sempre spontanea, mai falsa. Ecco perché Paolo conta più di Pablito in quelli che hanno avuto la fortuna di conoscerlo, anche solo per una sera. La malattia affrontata in silenzio, lo straziante racconto delle ultime ore di sua moglie Federica. Quando Paolo ha chiuso gli occhi per sempre, qualcuno lo ha visto sorridere da dietro una nuvola. (Paolo Chirichigno)




IL NOSTRO SPECIALE PER PAOLO ROSSI

La notte della finale dell'82 a casa Rossi (foto Bolognini)

LA FAVOLA MALINCONICA DI PAOLOROSSI IL PRATESE. PORTATORE DI FELICITÀ, CAMPIONE PER SEMPRE (di Stefano Cecchi)

Piero Colzi con la foto di Paolo Rossi

IL MISTER E LA LEVA CALCISTICA DEL ’56. “PER ME RESTERÀ SEMPRE PAOLINO” (di Stefano Brogioni)

La figurina

“COSÌ LO PORTAI A PERUGIA CON 400 MILIONI” (di Donatella Miliani)

Paolo Rossi con la maglia del Lanerossi Vicenza

PAOLO ROSSI, A PICCOLI PASSI VERSO IL TRIONFO. ERA IL PRINCIPE GENTILE DEL GOL

Paolo Rossi e don Paolo De Grandi

UN BENE CONTAGIOSO, LA GENEROSITÀ. E I SOGNI REALIZZATI CON DON PAOLO (di Alberto Pierini)

Paolo Rossi e la moglie Federica Cappelletti

FEDERICA E PAOLO, PICCOLO GRANDE AMORE. GALEOTTO FU UN LIBRO. E LA REDAZIONE DEL GIORNALE (di Federico D’Ascoli)

Una generazione intera è cresciuta col ricordo dell’11 luglio 1982

LA GIOIA DELLA GIOVINEZZA NELL’INFINITA NOTTE MUNDIAL (di Luigi Caroppo)

Paolo Rossi, Carlo Benucci e Ciccio Graziani (foto Tavanti)

GRAZIANI, I RICORDI E IL DOLORE CHE NON VA VIA “PAOLO MERITA UN GIORNO DI LUTTO NAZIONALE” (di Fausto Sarrini)

Giovanni Galli e Paolo Rossi

GALLI E L’AMICIZIA CHE VALE UNA VITA. “È IL FRATELLO CHE NON HO MAI AVUTO” (di Giampaolo Marchini)

Paolo Rossi e Giancarlo Antognoni (foto Germogli)

PAOLO ROSSI, LA COMMOZIONE DI ANTOGNONI: “LUI, IL PIÙ GRANDE DI TUTTI NOI” (di Riccardo Galli)

false

PAOLO ROSSI, IN VERSILIA FIN DA BAMBINO. SESSANT’ANNI DI GENUINITÀ (di Enrico Salvadori)




Festa Mundial

I LETTORI: “IL TUO SORRISO PER SEMPRE CON NOI” (di Francesco Marinari)

© Riproduzione riservata