ron-desantis-e-l'appoggio-dei-miliardari:-chi-puo-sostenere-la-sua-candidatura

Ron DeSantis e l'appoggio dei miliardari: chi può sostenere la sua candidatura

Nelle elezioni statunitensi dello scorso otto novembre vi è solo un vincitore certo: Ron DeSantis il rieletto governatore della Florida. A differenza del 2018 quando vinse per la prima volta con un risicatissimo vantaggio di 32.463 voti, il quarantaquattrenne politico repubblicano ha sopravanzato il suo rivale democratico Charlie Crist di ben 20 punti percentuali (59,9% contro 39,9). Persino le cittadelle liberal di Palm Beach e di Miami Dade, dove Hillary Clinton aveva ottenuto nel 2016 un successo strepitoso, questa volta hanno preferito DeSantis senza parlare dei latinos che lo hanno votato in massa (più del 56% secondo un sondaggio CBS). Un trionfo che lo proietta verso le elezioni presidenziali del 2024. Trump permettendo, ovviamente.

Un problema non da poco. Nonostante quasi tutti i candidati da lui imposti in questa tornata elettorale siano stati battuti, “The Donald” non è per nulla rassegnato alla pensione e medita un ritorno alla Casa Bianca. Nei suoi calcoli per DeSanctis c’è al massimo un posto da vicepresidente (vista la sorte di Mike Pence, non un gran traguardo…) o, meglio ancora, il nulla.

Non la pensano però così i maggiorenti del Grand Old Party, ormai stufi delle intemerate trumpiane, e il potente Rupert Murdoch con il suo gruppo editoriale. A fare la differenza vi è poi una sempre più larga parte della base repubblicana affascinata dal dinamismo del governatore dello “Sunshine State”, dalle sue dure battaglie contro le tasse e immigrazione clandestina, dal suo atteggiamento aperturista durante la pandemia e dalla campagna culturale contro la narrazione LGBT nelle scuole pubbliche. Insomma per tutti o quasi DeSantis appare come il campione di un trumpismo (moderato) senza Trump, il nuovo alfiere di una destra repubblicana identitaria ma presentabile. L’uomo giusto per far dimenticare l’assalto al Campidoglio e le altre stravaganze dell’ex presidente.

Lo sguardo dei miliardari

Un progetto che interessa anche i “grandi elettori”, il ristretto giro di super miliardari che finanzia le campagne elettorali. Se a sinistra c’è George Soros che ha beneficato le casse democratiche con 127 milioni di dollari, a destra troviamo Richard Uihlein (52 milioni di contributi al GOP), il “babbo” di Tesla Elon Musk e, soprattutto, Kenneth Griffin, fondatore dell’Hegde fund Citadel e detentore di una fortuna valutata a 30 miliardi di dollari.

Griffin è uno dei principali donatori del partito repubblicano — soltanto nell’ultima campagna ha versato 100 milioni ai suoi beniamini — e, dopo essersi trasferito dalla liberal Chicago in Florida (proprio a due passi dalla villa di Trump a Mar-a-Lago) ha puntato da tempo su DeSantis, la stella nascente del conservatorismo americano, considerandolo l’unica alternativa possibile all’ormai ingombrante Trump.

Pur non condividendo, almeno pubblicamente, tutto l’armentario polemico del governatore ha finanziato con cinque milioni di dollari la sua campagna elettorale e si è detto disponibile ad entrare, se la candidatura venisse ufficializzata dal partito, nell’ipotetica squadra di governo. Magari come segretario al Tesoro.

Al netto delle prossime iniziative di The Donald, dietro il fitto lavorio ai “piani alti” per far ottenere la candidatura al governatore vi è un obiettivo chiaro: riportare un repubblicano “realista” e pragmatico a Washington e mettere fine a quel clima di guerra civile che affligge e divide da anni il Paese. Un compromesso accettabile per establishment e l’elettorato che raffreddi le tensioni interne e rilanci il Paese chiudendo, come Griffin chiede con forza “la retorica delle elezioni truccate e riapra finalmente un dibattito sereno tra i due partiti principali”. I ricchi portafogli degli sponsor sono pronti, DeSantis chissà?

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.