Cronaca

Ritrovati i labari della marcia su Roma rubati all’Archivio Centrale di Stato

ritrovati-i-labari-della-marcia-su-roma-rubati-all’archivio-centrale-di-stato

L’audace colpo dei soliti ignoti era avvenuto tra maggio e giugno. Dall’Archivio Centrale di Stato all’Eur — l’immensa sede di gran parte della documentazione proveniente dagli organi di Stato — erano stati trafugati 970 labari della marcia su Roma, la «prova di forza» che il 28 ottobre 1922 portò al potere Mussolini. Nei giorni scorsi la svolta: i militari del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale hanno rinvenuto e sequestrato gran parte di quell’ingente patrimonio del Fondo «Mostra della Rivoluzione Fascista».

Refurtiva a casa di un collezionista

Gagliardetti labari, e bandiere sono stati trovati a casa di un collezionista romano che li avrebbe acquistati in più riprese investendo in totale diverse decine di migliaia di euro. Ma la versione dei fatti rilasciata dall’uomo, chiarisce il comandante Nicola Candido, è ancora oggetto delle indagini dei carabinieri coordinate dalla procura di Roma, così come le modalità di sparizione del materiale dai locali dell’Archivio Centrale dello Stato. L’uomo avrebbe detto di essere «ignaro» della provenienza illegale degli oggetti.

Le indagini

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Roma, sono state avviate dalla Sezione Antiquariato del Reparto Operativo. Il furto era stato denunciato ai carabinieri del Nucleo tutela patrimonio artistico da Elisabetta Reale, direttrice dell’Archivio sino all’avvicendamento, già previsto dal Mibact, con Stefano Vitali poche settimane fa. Ciascuno di quei pezzi poteva essere venduto a cifre tra i 1.000 e i 10.000 euro, per un «bottino» — è la stima di qualche «insider» — sui cinque milioni. Per questo è assai probabile che dietro la razzia ci sia l’interesse dei collezionisti. Ed in effetti, tutta la refurtiva è finita nella disponibilità di un collezionista di Roma, compresa un’uniforme di rappresentanza del corpo diplomatico, donata all’Archivio Centrale dello Stato, dagli eredi dell’ambasciatore d’Italia Sergio Fenoaltea (Roma, 9 giugno 1908 – Marino, 13 aprile 1995), già rappresentante del partito d’azione nel Comitato di Liberazione Nazionale. Le indagini dei Carabinieri del Reparto Operativo del TPC sono tuttora in corso e puntano a chiarire tutti gli aspetti della vicenda, a partire dalle modalità di sparizione del materiale dai locali dell’Archivio Centrale dello Stato.

26 agosto 2020 (modifica il 26 agosto 2020 | 15:43)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *