rally-grande-marinha,-morta-in-un-incidente-la-copilota-laura-salvo

Lutto nel mondo dei rally. Una giovanissima navigatrice è morta nella prima tappa del Marinha Grande in Portogallo.

Laura Salvo, 21 anni, spagnola, non ce l’ha fatta dopo un terribile incidente in cui la macchina in cui si trovava insieme al compagno Miquel Socias, è finita fuoristrada. Lui, che guidava, si è salvato, per lei invece purtroppo i soccorsi sono stati inutili. A rivelare la dinamica della tragedia sono stati gli organizzatori. «I soccorsi sono arrivati in due minuti e hanno cercato di rianimare la ragazza per poi portarla in un punto nel quale l’elicottero potesse atterrare per trasferirla d’urgenza, ma è morta sul colpa. Alla famiglia, al team e a tutti gli amici va la nostra vicinanza» ha detto Nuno Pinto responsabile dell’Automobil Club locale.

Salvo, originaria di Valencia, stava partecipando su una Peugeot 208 Rally 4: l’impatto è avvenuto durante la prima speciale in una zona ad alta velocità, l’auto ha sbandato colpendo il tronco di un albero.

Le corse erano la sua passione, non era professionista ma puntava a diventarci. Da poco si è laureata in legge e alternava la carriera da avvocato con i rally. Aveva cominciato da piccola con il papà e vantava una buona esperienza nei campionati spagnoli. Anche sua sorella Maria, più grande di due anni, corre nei rally.

10 ottobre 2020 (modifica il 10 ottobre 2020 | 19:43)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *