“piu-libri-piu-liberi”,-la-fiera-compie-20-anni-e-celebra-la-liberta

“Più libri più liberi”, la fiera compie 20 anni e celebra la libertà

Torna “Più libri più liberi”, l’evento organizzato a Roma dal 4 all’8 dicembre dalla Piccola e Media editoria. Quest’anno, dopo uno di stop, la fiera compie vent’anni e li celebra nella Nuvola di Fuksas con un tema cruciale: la libertà. Quattrocento incontri e 500 editori che hanno deciso insieme di scommettere sul futuro, reduci da due anni di emergenza sanitaria che ha peggiorato la situazione già poco stabile dell’editoria italiana. L’artista Lorenzo Mattotti ha firmato il manifesto di questa edizione, promossa e organizzata dall’Associazione Italiana editori, alla quale parteciperanno diversi ospiti tra cui Roberto Saviano, Alessandro Baricco, Zerocalcare.

Nel manifesto di Lorenzo Mattotti, celebre artista bresciano, la Nuvola di Fuksas è stata trasformata in una mongolfiera. Un oggetto statico, rinchiuso in un padiglione dell’Eur, che prende vita e ospita a bordo due lettori, metafora di come la lettura possa portarci verso altri scenari con la fantasia. 

I libri sono oggetti che ci elevano, che ci liberano e che ci hanno permesso in un periodo di privazioni di esprimere la nostra libertà di espressione e di stampa. Diritti irrinunciabili. Qui, le libertà collettive e personali si incontrano in molteplici spazi di discussione, dove ogni ospite rifletterà su quale è stato il libro che lo ha liberato dalle paure, dagli schemi ma anche dai tabù. I libri citati verranno poi offerti alla fiera, che li donerà nei luoghi dove la libertà è sospesa: le carceri. I ragazzi dei 17 istituti per la Giustizia Minorile riceveranno un libro ciascuno.

Il confronto, che avverrà attraverso tavole rotonde, stand e letture, serve a celebrare un momento di ripresa ma anche e soprattutto di condivisione. All’evento interverranno importanti ospiti del panorama culturale mondiale, tra cui il premio Nobel Mario Vargas Llosa, la scrittrice e poetessa americana Sandra Cisneros, l’autrice spagnola Sara Mesa, che insieme a Sabina Minardi presenterà il suo nuovo libro “Un amore”, ma anche la giornalista e attivista turca Ece Temelkuran, che affronterà insieme a Francesca Mannocchi la questione curda e armena. Da non perdere la presentazione del libro di Jill Abramson, la prima direttrice esecutiva donna del New York Times, con un’analisi della crisi e la trasformazione di due storici giornali americani: il New York Times e il Washington Post. E ancora, tra gli ospiti Miguel Gotor, Elly Schlein, Michela Marzano e Francesco Piccolo.

Il 4 dicembre, con una Lectio Magistralis all’Auditorium, aprirà la scena l’evento con Alessandro Baricco: “Il potere liberatorio dei libri”. Il giorno successivo l’attore Pietro Turano leggerà nella sala Verga “Sex Education”, con interventi di Licia Troisi. In collaborazione con Amnesty International, la fiera ha organizzato inoltre un evento il 5 dicembre, dove si terrà un collegamento dal Cairo con Marise Zaki, sorella di Patrick. E lo stesso giorno Amnesty presenterà il suo libro per celebrare i 60 anni di attivismo per i diritti umani. La manifestazione ospiterà anche un padiglione della Rai, main media partner, dove il 6 dicembre Valerio Renzi presenterà “Il Fascismo mainstream”, insieme a Marco Damilano.

E poi ospiti della musica e del mondo dello spettacolo. Il presidente della Siae Mogol, Lillo e Greg, Paolo Virzì, Carlo Verdone, Corrado Guzzanti e altri ancora.

Per i ragazzi, infine, da non perdere è l’appuntamento del 7 dicembre: “Un silent book per raccontare la via dei migranti”. Seguirà l’8 dicembre il dialogo “Sono ancora vivo”, tra Roberto Saviano e Michela Murgia e lo stesso giorno, in collaborazione con Netflix, Zerocalcare dialogherà con Chiara Valerio sulla sua serie tv “Strappare lungo i bordi”. Ricco di eventi, l’8 dicembre Riccardo Cottumaccio presenterà nella sala Luna il suo libro “W gli haters” con Michela Giraud, Valerio Lundini, Diletta Parlangeli e Angelo Maggi. Mentre alla sala Elettra Lilo e Greg metteranno in scena la loro “Biografia. Non autorizzata”.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *