oss-licenziati:-nascondevano-lesioni-cutanee-dei-pazienti-agli-infermieri-rischiano-danno-doloso.

È accaduto in una Residenza per Anziani in provincia di Ravenna. Gli OSS nascondevano le “piaghe” al personale infermieristico per metterlo in difficoltà. Ora l’azienda salterà se denunciarli per danno procurato e doloso.

Due OSS sono stati “beccati” dalla direzione aziendale di una nota Residenza Sanitaria per Anziani mentre coprivano con creme allo zinco le lesioni cutanee di alcuni pazienti, senza segnalarlo agli Infermieri, che erano all’oscuro di quelle ferite. Dagli accertamenti si è denotato che le lesioni, quasi tutte causate da pratiche igieniche fatte male (non si sa se volutamente o meno), erano di secondo e terzo stadio.

L’intendo dei due OSS, a quanto si è capito, non era quello di creare disagio agli Assistiti, ma agli Infermieri, con i quali erano da tempo in conflitto. La notizia ci ha lasciati basiti, anche perché non ha alcun senso, se non quello della mancanza assoluta di cultura e formazione assistenziale e umana. E’ ridicolo solo pensare che per fare dispetto ad un collega si puniscano in realtà i Pazienti e soprattutto quelli fragili di una Residenza per anziani.

Ora i due sono stati licenziati e avranno 10 giorni di tempo per giustificarsi, ma difficilmente l’azienda tornerà indietro.

Altre notizie in merito non ne abbiamo,  ma a stando ad alcune indiscrezioni i parenti degli Assistiti avrebbero protestato con l’Azienda e avrebbero minacciato denunce in Procura.

Anche per questo la direzione della RSA si è riservata eventualmente di rivalersi sui due ormai ex-dipendenti, per danno di immagine e per lesioni che senza ombra di dubbio restano dolose.

Vi terremo aggiornati sulla questione, intanto se conoscete di casi simili potete scrivere a redazione@assocarenews.it.

L’articolo OSS licenziati: nascondevano lesioni cutanee dei Pazienti agli Infermieri. Rischiano danno doloso. proviene da AssoCareNews.it – Quotidiano Sanitario Nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *