milano,-dal-ministero-500mila-euro-per-chiudere-il-campo-nomadi-di-via-vaiano-valle

Milano, dal Ministero 500mila euro per chiudere il campo nomadi di via Vaiano Valle

Nell’area di via Vaiano Valle insistono diversi abusi edilizi e occupazioni senza titolo che sono stati oggetto di provvedimenti di sequestro

via vaiano valle

Dal Ministero dell’Interno 515mila euro per l’accompagnamento verso l’autonomia dei 23 nuclei familiari presenti nell’area di via Vaiano Valle a Milano e favorire i provvedimenti di ripristino necessari

I fabbricati abusivi di via Vaiano Valle

Milano – Secondo l’ultima rilevazione sono 23 i nuclei familiari che risiedono quartiere milanese di Vaiano Valle – all’interno del Parco Sud –  e 37 sono i fabbricati abusivi e inutilizzati che sono stati oggetto di provvedimenti di sequestro della Procura.

E, nel 2021, di ordinanze comunali nei confronti della proprietà e dei responsabili degli abusi per la demolizione e la rimozione delle opere abusive.

Il protocollo operativo

La delibera comunale approvata il 27 maggio si pone come obiettivo quello di avviare il processo di superamento dell’insediamento spontaneo nell’area  per favorire  gli interventi di ripristino necessari. Il tutto nel contesto di un protocollo operativo condiviso con la Prefettura, la Regione Lombardia e ALER Milano.

Un finanziamento di 515mila euro 

Come spiega la nota diffusa dal Comune, “Per favorire il superamento dell’insediamento non autorizzato e l’avvio del ripristino dell’area verde all’interno del Parco Sud, il Comune di Milano ha presentato al Ministero dell’Interno, mediante la Prefettura, un’ipotesi progettuale relativa all’accoglienza dei nuclei fragili (che vedono, ad esempio, la presenza di minori) insediati senza titolo nell’area, ottenendo un finanziamento di 515.000 euro finalizzato ad avviare un percorso di sostegno sociale ed educativo al termine del quale le famiglie possano ritrovare un’autonomia abitativa e sociale”.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.