Firenze News

Milano conquista (e rilancia) i profumi di Santa Maria Novella

milano-conquista-(e-rilancia)-
	i-profumi-di-santa-maria-novella
firenze

19 agosto 2020 – 10:32

La storica Officina acquistata dalla famiglia Pesenti. L’obiettivo del mercato estero

di Silvia Ognibene

Passa di mano la proprietà della storica Officina del Profumo di Santa Maria Novella: Italmobiliare ieri ha esercitato l’opzione d’acquisto del 60% del capitale per incrementare la partecipazione del 20% rilevata nello scorso mese di gennaio. L’esito dell’operazione, il cui closing è previsto entro la metà del mese di settembre, porterà così l’80% delle azioni dell’Officina nel portafogli di Italmobiliare — società che fa capo alla famiglia milanese Pesenti — che ha chiuso il 2019 con 86 milioni di ricavi e conta su un patrimonio di oltre 1,3 miliardi. Cambia insomma la proprietà di un’altra storica azienda fiorentina, nata ben 400 anni fa e con un marchio forte e riconoscibile. Un passaggio di controllo tra due società italiane di stampo familiare, l’una guidata da Carlo Pesenti e l’altra da Eugenio Alphandery, legati anche da un rapporto di amicizia personale. La possibilità di accrescere la partecipazione nel capitale dell’Officina era già contenuta nell’accordo di gennaio che annunciava anche gli obiettivi dell’operazione, ribaditi ieri: «Contribuire al significativo percorso di crescita dell’Officina nel medio-lungo termine, avvalendosi di una continuità gestionale e di governance che è stata alla base del successo della società». L’investimento di Italmobiliare per questa seconda fase sarà di 120 milioni, con la possibilità di incrementare ulteriormente la quota. Officina Profumo Farmaceutica di Santa Maria Novella di Firenze è una delle più antiche officine farmaceutiche del mondo, creata dai frati domenicani nel 1221 e aperta al pubblico dal 1612 per la preparazione e vendita di rimedi medici naturali e profumi. La produzione, originariamente basata nelle officine dello storico negozio di Firenze, oggi si avvale del lavoro di oltre 100 dipendenti. L’Officina Profumo Farmaceutica di Santa Maria Novella ha realizzato nel 2019 su base consolidata un fatturato pari a circa 31,5 milioni e un Ebitda di oltre 12 milioni con una posizione di cassa netta di 19 milioni. L’Officina crea oltre seicento prodotti differenti fra antiche preparazioni, liquori, essenze e prodotti per la cura del corpo e per la profumazione degli ambienti, venduti oggi in oltre 300 punti vendita, fra negozi di proprietà e corner presenti in Europa (dove nel 2019 è stato realizzato il 61% dei ricavi), Stati Uniti (che generano il 18% del fatturato complessivo) e Asia-Pacifico (principalmente in Sud Corea e Giappone che danno il 21% dei ricavi). Con questa operazione Italmobiliare ha realizzato da inizio 2019 investimenti per oltre 240 milioni, che fanno seguito ai circa 190 milioni investiti nel 2018. L’obiettivo è quello di continuare a a far crescere la presenza dell’Officina sui mercati internazionali, aprendosi a nuovi sbocchi in Paesi ad oggi non presidiati come, ad esempio, l’Australia. Un’operazione che neppure le condizioni critiche del commercio globale, dovute alla pandemia di coronavirus, hanno fermato.

19 agosto 2020 | 10:32

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *