Sport

Mike Tyson: «Volevo affrontare un gorilla pagando 10.000 dollari, mi dissero no»

mike-tyson:-«volevo-affrontare-un-gorilla-pagando-10.000-dollari,-mi-dissero-no»

Mike Tyson contro un gorilla? Quasi. Nel lontano 1989 l’ex campione del mondo volle regalare una serata romantica a Robin Givens, allora sua moglie. E una sera, fuori orario, prenotò un intero zoo per una visita privata.

Arrivati alla gabbia dei gorilla, ha raccontato di recente il pugile, in attesa di tornare sul ring a novembre (a 54 anni) per un incontro con Roy Jones Jr., videro che il più massiccio degli animali «un grosso maschio, stava sottomettendo tutti gli altri». Ventitreenne, all’epoca detentore del titolo Wba dei pesi massimi, decise di intervenire: «Erano così potenti ma i loro occhi erano come un bambino innocente – ha spiegato Tyson – Allora ho offerto al guardiano 10.000 dollari per aprire la gabbia e permettermi di spaccare il muso di quel gorilla. Ha rifiutato».

In passato Tyson ha anche convissuto con diversi animali selvatici, e in particolare delle tigri (tre animali provenienti dal Bengala, tutti dati via. In particolare l’amata Kenya, che era vissuta con lui fin da cucciolina, pagata circa 64.000 euro, ma che «strappò il braccio a uno», anche perché il pugile aveva l’abitudine – come raccontò un suo amico, Jeff Fenech – di chiudere i visitatori nella gabbia con gli animali: «Anche se non ci sono tante cose che mi fanno paura, diciamo che, quando sono uscito dalla gabbia, mi sono dovuto cambiare le mutande…». Tyson aveva anche un puma, oltre a degli animali domestici considerati «più normali» come dei cani o dei piccioni.

15 settembre 2020 (modifica il 15 settembre 2020 | 18:29)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *