Malattia Trofoblastica Gestazionale (GTD): cause, sintomi e trattamento.

malattia-trofoblastica-gestazionale-(gtd):-cause,-sintomi-e-trattamento.

La malattia trofoblastica gestazionale (GTD) è in realtà un gruppo di patologie rare in cui le cellule anormali del trofoblasto crescono all’interno dell’utero dopo il concepimento.

Nella malattia trofoblastica gestazionale (GTD) è un tumore che si sviluppa all’interno dell’utero dal tessuto che si forma dopo il concepimento (l’unione di sperma e uovo). Questo tessuto è costituito da cellule trofoblastiche e normalmente circonda l’ovulo fecondato nell’utero.

Le cellule del trofoblasto aiutano a collegare l’uovo fecondato alla parete dell’utero e formano parte della placenta (l’organo che trasmette i nutrienti dalla madre al feto).

A volte c’è un problema con l’uovo fecondato e le cellule del trofoblasto. Invece di sviluppare un feto sano, si forma un tumore. Fino a quando non ci sono segni o sintomi del tumore, la gravidanza sembrerà una gravidanza normale.

La maggior parte delle GTD è benigna (non cancro) e non si diffonde, ma alcuni tipi diventano maligni (cancro) e si diffondono ai tessuti vicini o a parti distanti del corpo.

La malattia trofoblastica gestazionale (GTD) è un termine generico che include diversi tipi di malattia:

  • mole idatiformi (HM);
  • HM Completa;
  • HM Parziale;
  • neoplasia trofoblastica gestazionale (GTN);
  • mole invasive;
  • coriocarcinomi;
  • tumori trofoblastici del sito placentare (PSTT; molto raro);
  • tumori trofoblastici epitelioidi (ETT; anche più rari).

La mola idatiforme (HM) è il tipo più comune di GTD.

Gli HM sono tumori a crescita lenta che sembrano sacche di liquido. Un HM è anche chiamato gravidanza molare. La causa delle mole idatiformi non è nota.

Gli HM possono essere completi o parziali:

  • Un HM completo si forma quando lo sperma feconda un uovo che non contiene il DNA della madre. L’uovo ha il DNA del padre e le cellule che dovevano diventare la placenta sono anormali.
  • Un HM parziale si forma quando lo sperma feconda un uovo normale e ci sono due serie di DNA del padre nell’ovulo fecondato. Solo una parte delle forme del feto e le cellule che dovevano diventare la placenta sono anormali.

La maggior parte delle mole idatiformi sono benigne, ma a volte diventano cancro.

Avere uno o più dei seguenti fattori di rischio aumenta il rischio che una mola idatiforme diventi cancro:

  • una gravidanza prima dei 20 anni o dopo i 35 anni;
  • un livello molto alto di beta gonadotropina corionica umana (β-hCG), un ormone prodotto dall’organismo durante la gravidanza;
  • un grande tumore nell’utero;
  • una cisti ovarica più grande di 6 centimetri;
  • alta pressione sanguigna durante la gravidanza;
  • una ghiandola tiroidea iperattiva (viene prodotto un ormone tiroideo extra);
  • grave nausea e vomito durante la gravidanza;
  • cellule trofoblastiche nel sangue, che possono bloccare i piccoli vasi sanguigni;
  • gravi problemi di coagulazione del sangue causati dall’HM.

La neoplasia trofoblastica gestazionale (GTN) è un tipo di malattia trofoblastica gestazionale (GTD) che è quasi sempre maligna.
La neoplasia trofoblastica gestazionale (GTN) include quanto segue:

Mole invasive.

Le mole invasive sono costituite da cellule trofoblastiche che crescono nello strato muscolare dell’utero.

Le mole invasive hanno maggiori probabilità di crescere e diffondersi rispetto a una mola idatiforme. Raramente, un HM completo o parziale può diventare una mola invasiva.

A volte una mola invasiva scompare senza trattamento.

Coriocarcinomi.

Un coriocarcinoma è un tumore maligno che si forma dalle cellule del trofoblasto e si diffonde allo strato muscolare dell’utero e ai vasi sanguigni vicini. Può anche diffondersi ad altre parti del corpo, come cervello, polmoni, fegato, reni, milza, intestino, bacino o vagina.

È più probabile che un coriocarcinoma si formi nelle donne che hanno avuto una delle seguenti condizioni:

  • gravidanza molare, soprattutto con una mola idatiforme completa;
  • gravidanza normale;
  • gravidanza tubarica (l’ovulo fecondato si innesta nella tuba di Falloppio piuttosto che nell’utero);
  • aborto spontaneo.

Tumori trofoblastici del sito placentare.

Un tumore trofoblastico del sito placentare (PSTT) è un raro tipo di neoplasia trofoblastica gestazionale che si forma dove la placenta si attacca all’utero. Il tumore si forma dalle cellule del trofoblasto e si diffonde nel muscolo dell’utero e nei vasi sanguigni. Può anche diffondersi ai polmoni, al bacino o ai linfonodi. Un PSTT cresce molto lentamente e segni o sintomi possono comparire mesi o anni dopo una normale gravidanza.

Tumori trofoblastici epitelioidi.

Un tumore trofoblastico epitelioide (ETT) è un tipo molto raro di neoplasia trofoblastica gestazionale che può essere benigna o maligna. Quando il tumore è maligno, può diffondersi ai polmoni.

L’età e una precedente gravidanza molare influiscono sul rischio di GTD.

Tutto ciò che aumenta il rischio di contrarre una malattia è chiamato fattore di rischio. Avere un fattore di rischio non significa che avrai il cancro; non avere fattori di rischio non significa che non avrai il cancro. Parlate con il vostro medico se pensate di essere a rischio.

I fattori di rischio per GTD includono quanto segue:

  • gravidanza < 20 anni o > di 35 anni;
  • storia personale di mola idatiforme.

I segni di GTD includono sanguinamento vaginale anormale e un utero più grande del normale.

Questi e altri segni e sintomi possono essere causati dalla malattia trofoblastica gestazionale o da altre condizioni.

Rivolgersi al proprio medico se ci si trova di fronte ad uno dei seguenti:
  • sanguinamento vaginale non correlato alle mestruazioni;
  • utero più grande del previsto durante la gravidanza;
  • dolore o pressione al bacino;
  • grave nausea e vomito durante la gravidanza;
  • lta pressione sanguigna con mal di testa e gonfiore dei piedi e delle mani all’inizio della gravidanza;
  • emorragia vaginale che continua più a lungo del normale dopo il parto;
  • affaticamento, mancanza di respiro, vertigini e battito cardiaco accelerato o irregolare causato dall’anemia.
La GTD a volte causa una tiroide iperattiva.

Segni e sintomi di una tiroide iperattiva includono quanto segue:

  • battito cardiaco veloce o irregolare;
  • tremore;
  • sudorazione;
  • movimenti intestinali frequenti;
  • difficoltà a dormire;
  • sensazione di ansia o irritabilità;
  • perdita ponderale.

I test che esaminano l’utero vengono utilizzati per rilevare (trovare) e diagnosticare la malattia trofoblastica gestazionale.

Possono essere utilizzati i seguenti test e procedure:

Esame fisico e anamnesi: un esame del corpo per controllare i segni generali di salute, incluso il controllo dei segni di malattia, come noduli o qualsiasi altra cosa che sembra insolita. Verrà inoltre presa una storia delle abitudini di salute del paziente e delle malattie e dei trattamenti passati.

  • Esame pelvico: esame della vagina, della cervice uterina, dell’utero, delle tube di Falloppio, delle ovaie e del retto. Uno speculum viene inserito nella vagina e il medico o l’infermiere guarda la vagina e la cervice alla ricerca di segni di malattia. Di solito viene eseguito un Pap test della cervice. Il medico o l’infermiere inserisce anche una o due dita guantate e lubrificate di una mano nella vagina e posiziona l’altra mano sull’addome inferiore per sentire le dimensioni, la forma e la posizione dell’utero e delle ovaie. Il medico o l’infermiere inserisce anche un dito guantato lubrificato nel retto per rilevare la presenza di grumi o aree anormali.
  • Esame ecografico del bacino: una procedura in cui le onde sonore ad alta energia (ultrasuoni) vengono rimbalzate dai tessuti interni o dagli organi del bacino e producono echi. Gli echi formano un’immagine dei tessuti del corpo chiamata ecografia. A volte verrà eseguita un’ecografia transvaginale (TVUS). Per TVUS, un trasduttore a ultrasuoni (sonda) viene inserito nella vagina per eseguire l’ecografia.
  • Studi di chimica del sangue: una procedura in cui un campione di sangue viene controllato per misurare la quantità di determinate sostanze rilasciate nel sangue da organi e tessuti del corpo. Una quantità insolita (superiore o inferiore al normale) di una sostanza può essere un segno di malattia. Il sangue viene anche testato per controllare il fegato, i reni e il midollo osseo.
  • Test del marker tumorale nel siero: procedura in cui viene controllato un campione di sangue per misurare la quantità di determinate sostanze prodotte da organi, tessuti o cellule tumorali nel corpo. Alcune sostanze sono collegate a tipi specifici di cancro quando si trovano in livelli aumentati nel corpo. Questi sono chiamati marker tumorali. Per la GTD, il sangue viene controllato per il livello di beta gonadotropina corionica umana (β-hCG), un ormone prodotto dall’organismo durante la gravidanza. β-hCG nel sangue di una donna che non è incinta può essere un segno di GTD.
  • Analisi delle urine: un test per controllare il colore dell’urina e il suo contenuto, come zucchero, proteine, sangue, batteri e il livello di β-hCG.

Alcuni fattori influenzano la prognosi (possibilità di guarigione) e le opzioni di trattamento.

La malattia trofoblastica gestazionale di solito può essere curata. Il trattamento e la prognosi dipendono da quanto segue:

  • il tipo di GTD;
  • se il tumore si è diffuso all’utero, ai linfonodi o a parti distanti del corpo;
  • il numero di tumori e la loro posizione nel corpo;
  • la dimensione del tumore più grande;
  • il livello di β-hCG nel sangue;
  • in quanto tempo è stato diagnosticato il tumore dopo l’inizio della gravidanza;
  • se la GTD si è verificata dopo una gravidanza molare, un aborto spontaneo o una gravidanza normale;
  • precedente trattamento per neoplasia trofoblastica gestazionale.

Le opzioni di trattamento dipendono anche dal fatto che la donna desideri rimanere incinta in futuro.

Fasi di tumori trofoblastici gestazionali e neoplasia.

Punti chiave.

Dopo che è stata diagnosticata la neoplasia trofoblastica gestazionale, vengono eseguiti test per scoprire se il cancro si è diffuso da dove è iniziato ad altre parti del corpo.

Ci sono tre modi in cui il cancro si diffonde nel corpo.

Il cancro può diffondersi da dove è iniziato ad altre parti del corpo.

Non esiste un sistema di stadiazione per le mole idatiformi.

Le seguenti fasi sono utilizzate per GTN:

  • Fase I;
  • Fase II;
  • Fase III;
  • Fase IV.

Il trattamento della neoplasia trofoblastica gestazionale si basa sul tipo di malattia, stadio o gruppo a rischio.

Dopo che è stata diagnosticata la neoplasia trofoblastica gestazionale, vengono effettuati test per scoprire se il cancro si è diffuso da dove è iniziato ad altre parti del corpo.

Il processo utilizzato per scoprire l’entità o la diffusione del cancro è chiamato stadiazione. Le informazioni raccolte dal processo di stadiazione aiutano a determinare lo stadio della malattia. Per GTN, lo stadio è uno dei fattori utilizzati per pianificare il trattamento.

I seguenti test e procedure possono essere eseguiti per aiutare a scoprire lo stadio della malattia:

  • Radiografia del torace: una radiografia degli organi e delle ossa all’interno del torace. Una radiografia è un tipo di raggio di energia che può passare attraverso il corpo su pellicola, creando immagini di aree all’interno del corpo.
  • TAC (TC): una procedura che consente di realizzare una serie di immagini dettagliate di aree all’interno del corpo, riprese da diverse angolazioni. Le immagini sono realizzate da un computer collegato a una macchina a raggi X. Un colorante può essere iniettato in una vena o ingerito per aiutare gli organi o i tessuti a presentarsi più chiaramente. Questa procedura è anche chiamata tomografia computerizzata, tomografia computerizzata o tomografia assiale computerizzata.
  • MRI (risonanza magnetica per immagini) con gadolinio: una procedura che utilizza un magnete, onde radio e un computer per creare una serie di immagini dettagliate di aree all’interno del corpo, come il cervello e il midollo spinale. Una sostanza chiamata gadolinio viene iniettata in una vena. Il gadolinio si raccoglie intorno alle cellule tumorali in modo che siano più luminose nell’immagine. Questa procedura è anche chiamata risonanza magnetica nucleare (NMRI).
  • Puntura lombare: una procedura utilizzata per raccogliere il liquido cerebrospinale (CSF) dalla colonna vertebrale. Questo viene fatto posizionando un ago tra due ossa nella colonna vertebrale e nel liquido cerebrospinale attorno al midollo spinale e rimuovendo un campione del fluido. Il campione di CSF viene controllato al microscopio per i segni che il cancro si è diffuso al cervello e al midollo spinale. Questa procedura è anche chiamata LP o prelievo spinale.

Ci sono tre modi in cui il cancro si diffonde nel corpo.

Il cancro può diffondersi attraverso i tessuti, il sistema linfatico e il sangue:

  • Tessuto. Il cancro si diffonde da dove è iniziato crescendo nelle aree vicine.
  • Sistema linfatico. Il cancro si diffonde da dove è iniziato entrando nel sistema linfatico. Il cancro viaggia attraverso i vasi linfatici verso altre parti del corpo.
  • Sangue. Il cancro si diffonde da dove è iniziato entrando nel sangue. Il cancro viaggia attraverso i vasi sanguigni verso altre parti del corpo. Il cancro può diffondersi da dove è iniziato ad altre parti del corpo. Quando il cancro si diffonde a un’altra parte del corpo, si chiama metastasi. Le cellule cancerose si staccano dal punto in cui hanno avuto origine (il tumore primario) e viaggiano attraverso il sistema linfatico o il sangue.
  • Sistema linfatico. Il cancro entra nel sistema linfatico, viaggia attraverso i vasi linfatici e forma un tumore (tumore metastatico) in un’altra parte del corpo.
  • Sangue. Il cancro entra nel sangue, viaggia attraverso i vasi sanguigni e forma un tumore (tumore metastatico) in un’altra parte del corpo.

Il tumore metastatico è lo stesso tipo di cancro del tumore primario.

Ad esempio, se il coriocarcinoma si diffonde al polmone, le cellule tumorali nel polmone sono in realtà cellule di coriocarcinoma.

La malattia è il coriocarcinoma metastatico, non il cancro ai polmoni.

Non esiste un sistema di stadiazione per le mole idatiformi.

Le mole idatiformi (HM) si trovano solo nell’utero e non si diffondono ad altre parti del corpo.

Le seguenti fasi sono utilizzate per GTN:

Fase I
Nella fase I, il tumore è solo nell’utero;

Fase II
Nella fase II, il cancro si è diffuso al di fuori dell’utero all’ovaio, alle tube di Falloppio, alla vagina e / o ai legamenti che supportano l’utero;

Fase III
Nella fase III, il cancro si è diffuso al polmone;

Fase IV
Nella fase IV, il cancro si è diffuso a parti distanti del corpo diverse dai polmoni.

Il trattamento della neoplasia trofoblastica gestazionale si basa sul tipo di malattia, stadio o gruppo a rischio.

I nei invasivi e i coriocarcinomi vengono trattati in base ai gruppi di rischio. Lo stadio della mola invasiva o coriocarcinoma è un fattore utilizzato per determinare il gruppo a rischio. Altri fattori includono quanto segue:

L’età del paziente al momento della diagnosi.

Se il GTN si è verificato dopo una gravidanza molare, un aborto spontaneo o una gravidanza normale.

In quanto tempo è stato diagnosticato il tumore dopo l’inizio della gravidanza.

Il livello di beta gonadotropina corionica umana (β-hCG) nel sangue.

La dimensione del tumore più grande.

Dove si è diffuso il tumore e numero di tumori nel corpo.

Con quanti farmaci chemioterapici è stato trattato il tumore (per tumori ricorrenti o resistenti).

Esistono due gruppi di rischio per nei e coriocarcinomi invasivi: a basso rischio e ad alto rischio. I pazienti con malattia a basso rischio di solito ricevono un trattamento meno aggressivo rispetto ai pazienti con malattia ad alto rischio.

I trattamenti del tumore trofoblastico del sito placentare (PSTT) e del tumore trofoblastico epitelioide (ETT) dipendono dallo stadio della malattia.

Neoplasia trofoblastica gestazionale ricorrente e resistente.

La neoplasia trofoblastica gestazionale ricorrente (GTN) è un cancro che si è ripresentato (ricomparsa) dopo che è stato trattato. Il cancro può ripresentarsi nell’utero o in altre parti del corpo.

La neoplasia trofoblastica gestazionale che non risponde al trattamento è chiamata GTN resistente.

Panoramica dell’opzione di trattamento.

Punti chiave.

Esistono diversi tipi di trattamento per i pazienti con malattia trofoblastica gestazionale.

Vengono utilizzati tre tipi di trattamento standard:

  • Chirurgia;
  • Chemioterapia;
  • Radioterapia.

Nuovi tipi di trattamento vengono testati negli studi clinici.
Il trattamento per la malattia trofoblastica gestazionale può causare effetti collaterali.

Le pazienti potrebbero voler pensare di prendere parte a una sperimentazione clinica.

Le pazienti possono entrare negli studi clinici prima, durante o dopo aver iniziato il trattamento del cancro.

Potrebbero essere necessari test di follow-up.

Esistono diversi tipi di trattamento per i pazienti con malattia trofoblastica gestazionale.

Sono disponibili diversi tipi di trattamento per i pazienti con malattia trofoblastica gestazionale. Alcuni trattamenti sono standard (il trattamento attualmente utilizzato) e alcuni sono in fase di sperimentazione in studi clinici. Prima di iniziare il trattamento, i pazienti potrebbero voler pensare di prendere parte a una sperimentazione clinica. Una sperimentazione clinica sul trattamento è uno studio di ricerca inteso a migliorare i trattamenti attuali o ottenere informazioni su nuovi trattamenti per i pazienti con cancro. Quando gli studi clinici dimostrano che un nuovo trattamento è migliore del trattamento standard, il nuovo trattamento può diventare il trattamento standard.

Le sperimentazioni cliniche sono in corso in molte parti del paese. Le informazioni sulle sperimentazioni cliniche in corso sono disponibili sul sito web dell’NCI. La scelta del trattamento antitumorale più appropriato è una decisione che coinvolge idealmente il paziente, la famiglia e il team sanitario.

Vengono utilizzati tre tipi di trattamento standard:

Chirurgia.

Il medico può rimuovere il cancro utilizzando una delle seguenti operazioni:

  • Dilatazione e curettage (D&C) con aspirazione di aspirazione: una procedura chirurgica per rimuovere il tessuto anormale e parti del rivestimento interno dell’utero. La cervice viene dilatata e il materiale all’interno dell’utero viene rimosso con un piccolo dispositivo simile al vuoto. Le pareti dell’utero vengono quindi raschiate delicatamente con una curette (strumento a forma di cucchiaio) per rimuovere qualsiasi materiale che possa rimanere nell’utero. Questa procedura può essere utilizzata per le gravidanze molari.
  • Isterectomia: intervento chirurgico per rimuovere l’utero e talvolta la cervice. Se l’utero e la cervice vengono estratti attraverso la vagina, l’operazione viene chiamata isterectomia vaginale. Se l’utero e la cervice vengono estratti attraverso una grande incisione (taglio) nell’addome, l’operazione viene chiamata isterectomia addominale totale. Se l’utero e la cervice vengono estratti attraverso una piccola incisione (taglio) nell’addome utilizzando un laparoscopio, l’operazione è chiamata isterectomia laparoscopica totale.

Dopo che il medico ha rimosso tutto il cancro che può essere visto al momento dell’intervento, ad alcuni pazienti può essere somministrata la chemioterapia dopo l’intervento chirurgico per uccidere le cellule tumorali rimaste. Il trattamento somministrato dopo l’intervento chirurgico, per ridurre il rischio di recidiva del cancro, è chiamato terapia adiuvante.

Chemioterapia.

La chemioterapia è un trattamento contro il cancro che utilizza farmaci per arrestare la crescita delle cellule tumorali, uccidendo le cellule o impedendo loro di dividersi. Quando la chemioterapia viene assunta per via orale o iniettata in una vena o in un muscolo, i farmaci entrano nel flusso sanguigno e possono raggiungere le cellule tumorali in tutto il corpo (chemioterapia sistemica). Quando la chemioterapia viene inserita direttamente nel liquido cerebrospinale, in un organo o in una cavità corporea come l’addome, i farmaci colpiscono principalmente le cellule tumorali in quelle aree (chemioterapia regionale). Il modo in cui viene somministrata la chemioterapia dipende dal tipo e dallo stadio del cancro da trattare o dal fatto che il tumore sia a basso o alto rischio.

La chemioterapia di combinazione è un trattamento che utilizza più di un farmaco antitumorale.

Radioterapia.

La radioterapia è un trattamento contro il cancro che utilizza raggi X ad alta energia o altri tipi di radiazioni per uccidere le cellule tumorali o impedirne la crescita. Esistono due tipi di radioterapia:

La radioterapia esterna utilizza una macchina esterna al corpo per inviare radiazioni verso il cancro.

La radioterapia interna utilizza una sostanza radioattiva sigillata in aghi, semi, fili o cateteri che vengono posizionati direttamente dentro o vicino al cancro.

Il modo in cui viene somministrata la radioterapia dipende dal tipo di malattia trofoblastica gestazionale da trattare. La radioterapia esterna è usata per trattare la malattia trofoblastica gestazionale.

Nuovi tipi di trattamento vengono testati negli studi clinici.

Le informazioni sulle sperimentazioni cliniche in corso sono disponibili sul sito web dell’NCI.

Il trattamento per la malattia trofoblastica gestazionale può causare effetti collaterali.

Per informazioni sugli effetti collaterali causati dal trattamento del cancro, consultare la nostra pagina Effetti collaterali.

I pazienti potrebbero voler pensare di prendere parte a una sperimentazione clinica.

Per alcuni pazienti, prendere parte a una sperimentazione clinica può essere la migliore scelta di trattamento. Gli studi clinici fanno parte del processo di ricerca sul cancro. Vengono condotti studi clinici per scoprire se i nuovi trattamenti contro il cancro sono sicuri ed efficaci o migliori del trattamento standard.

Molti dei trattamenti standard odierni per il cancro si basano su precedenti studi clinici. I pazienti che prendono parte a una sperimentazione clinica possono ricevere il trattamento standard o essere tra i primi a ricevere un nuovo trattamento.

I pazienti che prendono parte a studi clinici aiutano anche a migliorare il modo in cui il cancro verrà trattato in futuro. Anche quando gli studi clinici non portano a nuovi trattamenti efficaci, spesso rispondono a domande importanti e aiutano a far avanzare la ricerca.

I pazienti possono entrare negli studi clinici prima, durante o dopo aver iniziato il trattamento del cancro.

Alcuni studi clinici includono solo pazienti che non hanno ancora ricevuto un trattamento. Altri studi testano trattamenti per pazienti il ​​cui cancro non è migliorato. Esistono anche studi clinici che testano nuovi modi per impedire che il cancro si ripresenti (ricomparsa) o ridurre gli effetti collaterali del trattamento del cancro.

Le sperimentazioni cliniche sono in corso in molte parti del paese. Le informazioni sulle sperimentazioni cliniche supportate da NCI possono essere trovate sulla pagina web di ricerca delle sperimentazioni cliniche di NCI. Gli studi clinici supportati da altre organizzazioni possono essere trovati sul sito web ClinicalTrials.gov.

Potrebbero essere necessari test di follow-up.

Alcuni dei test che sono stati eseguiti per diagnosticare il cancro o per scoprire lo stadio del cancro possono essere ripetuti. Alcuni test verranno ripetuti per vedere come funziona il trattamento. La decisione se continuare, modificare o interrompere il trattamento può essere basata sui risultati di questi test.

Alcuni dei test continueranno ad essere eseguiti di tanto in tanto dopo la fine del trattamento. I risultati di questi test possono mostrare se la sua condizione è cambiata o se il cancro si è ripresentato (si ripresenta). Questi test sono talvolta chiamati test di follow-up o check-up.

I livelli ematici di beta gonadotropina corionica umana (β-hCG) saranno controllati fino a 6 mesi dopo la fine del trattamento. Questo perché un livello di β-hCG superiore al normale può significare che il tumore non ha risposto al trattamento o è diventato cancro.

Opzioni di trattamento per la malattia trofoblastica gestazionale:

  • Mole idatiformi;
  • Neoplasia trofoblastica gestazionale;
  • Neoplasia trofoblastica gestazionale a basso rischio;
  • Neoplasia trofoblastica gestazionale metastatica ad alto rischio;
  • Tumori trofoblastici gestazionali del sito placentare e tumori trofoblastici epitelioidi;
  • Neoplasia trofoblastica gestazionale ricorrente o resistente.

Mole idatiformi.

Il trattamento di una mola idatiforme può includere quanto segue:

  • Chirurgia (dilatazione e curettage con aspirazione a vuoto) per rimuovere il tumore. Dopo l’intervento chirurgico, gli esami del sangue della beta gonadotropina corionica umana (β-hCG) vengono eseguiti ogni settimana fino a quando il livello di β-hCG non torna alla normalità. I pazienti hanno anche visite mediche di follow-up mensili per un massimo di 6 mesi. Se il livello di β-hCG non torna alla normalità o aumenta, potrebbe significare che la mola idatiforme non è stata completamente rimossa ed è diventata cancro. La gravidanza fa aumentare i livelli di β-hCG, quindi il medico ti chiederà di non rimanere incinta fino al termine del follow-up.

Per la malattia che persiste dopo l’intervento chirurgico, il trattamento è solitamente la chemioterapia.

Neoplasia trofoblastica gestazionale.

Neoplasia trofoblastica gestazionale a basso rischio.

Il trattamento della neoplasia trofoblastica gestazionale (GTN) a basso rischio (mola invasiva o coriocarcinoma) può includere quanto segue:

  • Chemioterapia con uno o più farmaci antitumorali. Il trattamento viene somministrato fino a quando il livello di beta gonadotropina corionica umana (β-hCG) è normale per almeno 3 settimane dopo la fine del trattamento. Se il livello di β-hCG nel sangue non torna alla normalità o il tumore si diffonde a parti distanti del corpo, vengono somministrati regimi chemioterapici utilizzati per GTN metastatico ad alto rischio.
Neoplasia trofoblastica gestazionale metastatica ad alto rischio.

Il trattamento della neoplasia trofoblastica gestazionale metastatica ad alto rischio (mola invasiva o coriocarcinoma) può includere quanto segue:

  • Chemioterapia di combinazione.
    Chemioterapia intratecale e radioterapia al cervello (per il cancro che si è diffuso al polmone, per impedirne la diffusione al cervello).
  • Chemioterapia ad alte dosi o chemioterapia intratecale e / o radioterapia al cervello (per il cancro che si è diffuso al cervello).

Tumori trofoblastici gestazionali del sito placentare e tumori trofoblastici epitelioidi.

Il trattamento dei tumori trofoblastici gestazionali in stadio I placentare e dei tumori trofoblastici epitelioidi può includere quanto segue:

  • Intervento chirurgico per rimuovere l’utero.

Il trattamento dei tumori trofoblastici gestazionali in stadio II della placenta e dei tumori trofoblastici epitelioidi può includere quanto segue:

  • Intervento chirurgico per rimuovere il tumore, che può essere seguito da chemioterapia di combinazione.

Il trattamento dei tumori trofoblastici gestazionali di stadio III e IV e dei tumori trofoblastici epitelioidi può includere quanto segue:

  • Chemioterapia di combinazione.

Intervento chirurgico per rimuovere il cancro che si è diffuso in altri luoghi, come il polmone o l’addome.

Neoplasia trofoblastica gestazionale ricorrente o resistente.

Il trattamento del tumore trofoblastico gestazionale ricorrente o resistente può includere quanto segue:

  • Chemioterapia con uno o più farmaci antitumorali per tumori precedentemente trattati chirurgicamente.
  • Chemioterapia di combinazione per tumori precedentemente trattati con chemioterapia.
  • Chirurgia per tumori che non rispondono alla chemioterapia.

Bibliografia e Sitografia:

  • Archivio AssoCareNews.itLINK;
  • Gestational Trophoblastic Disease Treatment – National Cancer Institute – LINK.

Leggi anche:

Gravidanza: sintomi, test e calcolo settimane.

L’articolo Malattia Trofoblastica Gestazionale (GTD): cause, sintomi e trattamento. proviene da AssoCareNews.it – Quotidiano Sanitario Nazionale.