macron-manda-in-romania-carri-armati-e-para.-ma-gli-arsenali-francesi-sono-semi-vuoti

Macron manda in Romania carri armati e parà. Ma gli arsenali francesi sono semi vuoti

Benvenuti a Cincu, una delle principali basi militare della Romania. La grande area, estesa su oltre cinquanta chilometri quadrati, si stende ai piedi dei Carpazi e dall’inizio delle ostilità in Ucraina è diventata il cuore del dispositivo NATO nel Paese balcanico. Il comando è affidato alla Francia che ha via via aumentato il suo contingente di terra portandolo al momento ad oltre mille effettivi. Al loro fianco un centinaio di aviatori e di specialisti di sistemi di difesa antimissilistici e reparti belgi e olandesi.

Un impegno oneroso — solo nel 2022 la missione “Aigle” è costata circa 450 milioni di euro e per l’anno prossimo il ministro della Difesa Sébastien Lecornu ha annunciato un aumento di altri 500 milioni — che supera di gran lunga lo sforzo fatto negli anni Novanta, quando Parigi intervenne su mandato ONU nelle guerre jugoslave.

A fare la differenza rispetto alle altre operazioni dell’Armée in Europa, ma anche nel Sahel e nel Levante, è la dislocazione dei carri armati pesanti Leclerc, dei colossi cingolati pesanti 56 tonnellate e armati di un cannone da 120/52, ideati e costruiti negli anni Ottanta per battersi contro i tank del Patto di Varsavia. Per il momento a Cincu, assieme a 140 blindati della fanteria corazzata leggera, sono arrivati i primi tredici e altrettanti sono previsti nella primavera.

Ma oltre ai Leclerc stanno arrivando anche i paracadutisti dell’8° Régiment parachutiste d’infanterie de Marine (RIPMA), uno dei ferri di lancia delle forze armate transalpine sino a quest’estate impegnato nell’operazione Barkhane nel Sahel. La fine della sfortunata missione — affondata per motivi politici da Macron, sempre più in affanno nelle ex colonie africane — ha reso nuovamente disponibili i 1200 baschi rossi acquartierati a Castres. Tra giugno e ottobre una compagnia del RIPMA ha già svolto un primo ciclo in Romania e ora l’intero reggimento, dimenticato il deserto, è in piena attività addestrativa per “rimodellarsi ai nuovi terreni operativi e al cambio di paradigma”.

Lo Stato Maggiore ha previsto per i paras una serie di serrate manovre nelle montagne dei Pirenei ad un’altitudine di mille metri. Vento, freddo e neve nella previsione di dover affrontare e combattere (almeno ipoteticamente) un nemico ben più difficile e determinato degli sfuggenti miliziani della guerriglia islamista nel Sahara. Giochi di guerra continueranno a ritmi forzati dopo Capodanno con la grande esercitazione “Orion” in cui per la prima volta, dopo decenni di basso profilo e pesanti economie, l’Armée impegnerà per tre mesi oltre diecimila soldati.  

Insomma, un chiaro “messaggio di potenza” che Parigi lancia a Mosca ma anche ai suoi alleati occidentali. L’inquilino dell’Eliseo avverte così amici e nemici che la Francia si ritiene ancora una potenza militare ed è pronta a dispiegare ovunque serva — ovvero dal Baltico alla Romania — uomini, mezzi e munizioni e non teme di confrontarsi con qualsiasi avversario, anche il più temibile.

Vi è però un problema. Anzi più d’uno. Al netto delle incontestabili capacità combattive dei reparti d’élites, la ritrovata “grandeur” macroniana deve fare i conti con arsenali semi vuoti e l’obsolescenza dei materiali. Il frutto avvelenato della lesina post-guerra fredda. Gli stessi Leclerc sono carri di vecchia generazione, possenti ma tecnicamente superati, e soprattutto sono pochi, molto pochi se confrontati con l’attuale forza corazzata russa che, nonostante le pesati perdite subite da febbraio ad oggi, allinea almeno 1550 carri T-72 e T-80. Nelle caserme francesi (principalmente a Verdun) rimangono ufficialmente solo 223 esemplari di cui meno di 200 operativi. Da qui la decisione — in attesa del futuribile ma ancora allo stato progettuale nuovo carro franco tedesco MGCS (Main Ground Combat System) — di modernizzare i Leclerc rimasti, mantenendoli in linea sino al 2050. Un po’ poco per una politica di potenza credibile.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *