macchie-dell’eta,-come-trattarle?

Macchie dell’età, come trattarle?

Sono inestetismi della pelle che iniziano a comparire intorno ai 40 anni. Sono legate all’invecchiamento cutaneo e all’esposizione solare, spesso non controllata

Sono inestetismi della pelle che iniziano a comparire intorno ai 40 anni. Sono legate all’invecchiamento cutaneo e all’esposizione solare, spesso non controllata

Le macchie dell’età sono inestetismi della pelle che, di solito, tendono a comparire sulla cute intorno ai 40 anni. Sono legate all’invecchiamento cutaneo e all’esposizione solare, spesso non controllata, in età giovanile, e infatti si presentano soprattutto sul dorso delle mani, sulle braccia e sul viso, ovvero le aree cutanee più esposte alla luce solare. Quali sono i trattamenti possibili per eliminarle?

Humanitas salute ha approfondito l’argomento con la Silvia Gurgone, dermatologa in Humanitas San Pio X e presso l’ambulatorio Humanitas Medical Care Murat a Milano in un articolo che pubblichiamo integralmente.

Macchie dell’età, come trattarle?

Macchie dell’età: quali sono i trattamenti possibili?

Le macchie d’età possono essere trattate in diversi modi.

Creme e lozioni

Vi sono molti prodotti che affermano di sbiadire le macchie legate all’età, alcuni dei quali si possono acquistare senza prescrizione medica. Se si decide di trattare questi inestetismi con creme e lozioni, è consigliato rivolgersi a un dermatologo.

Lo specialista, infatti, è in grado di capire se le macchie presenti siano macchie dell’età o altro come cheratosi seborroichecheratosi attiniche o cancro della pelle.

Il cancro della pelle non va sottovalutato. Un dermatologo può esaminare la pelle e capire se qualcuna delle macchie presenti potrebbe essere riconducibile al cancro. Se diagnosticato in tempo, è altamente curabile.

Algida Dolce Vita

Trattamento laser

La laser terapia può trattare velocemente le macchie dell’età, con risultati probabilmente più duraturi nel tempo, e più efficaci, rispetto alla terapia topica con creme e lozioni.

Tuttavia, i laser possono essere causa di alcuni effetti collaterali, come la formazione di croste o l’oscuramento temporaneo delle macchie dell’età.

Criochirurgia

Questa procedura consiste nel congelamento, da parte del dermatologo, delle macchie dell’età. È un trattamento che può essere doloroso, ma è rapido. Subito dopo il paziente potrebbe sentire dolore, o vedere comparire vesciche o arrossamento e gonfiore temporanei, ma una volta guarita la pelle avrà un tono più uniforme.

Microdermoabrasione

Durante questa procedura, un dermatologo appiana le macchie dell’età, levigando la pelle e stimolando il rinnovamento cellulare. Dopo un trattamento di microdermoabrasione potrebbe comparire una lieve infiammazione, ma che sparirà probabilmente in poche ore.

Peeling chimico

Il dermatologo applica una soluzione chimica sulla zona interessata così da eliminare gli strati più superficiali della pelle. Pelle irritata, cicatrici, infezioni e cambiamenti nel colore della pelle possono essere alcuni degli effetti collaterali. Dopo la procedura potrebbero essere necessari 1-7 giorni per riprendersi.

La protezione solare dopo il trattamento

Anche a seguito di un trattamento, a prescindere da quale si sia effettuato, le macchie dell’età possono tornare. Per evitarlo è fondamentale proteggere la pelle dal sole.

Per farlo è meglio cercare l’ombra e di coprire la pelle con indumenti protettivi. 

È inoltre importante, prima di uscire, applicare la protezione solare su tutta la pelle scoperta. È necessario utilizzare una crema solare che offra protezione ad ampio spettro, con SPF 30 o superiore e resistente all’acqua.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.