L’ultima del governo? Una “lotteria”per premiare chi spende con la carta

l’ultima-del-governo?-una-“lotteria”per-premiare-chi-spende-con-la-carta

Altre novità sul fronte dei mirabolanti piani messi in campo dal governo per aiutare il Paese, schiacciato dal peso di una crisi economica durissima, a rialzare la testa. In maniera sicuramente bizzarra, come è d’altronde ormai nella logica d’idee dei giallorossi. Ma tant’è, al momento questo passa il convento. E così Giuseppe Conte ha spiegato in queste ore l’ultima trovata a sostegno degli italiani: un premio fino a 3.000 euro per i consumatori che utilizzano la carta per le loro spese, con un ricco bonus ai 10 mila cittadini che utilizzeranno più spesso le tessere. Se non siamo a una vera e propria lotteria, poco ci manca.

L'ultima del governo? Una

Alle pagine de La Stampa, Conte ha spiegato i dettagli del “piano cashback” per contrastare l’evasione fiscale, basato sul rimborso del 10% di quanto si spende con la carta e destinato a entrare in vigore a partire da dicembre. Si potrà restituire fino a un massimo di 300 euro su un tetto di spesa di 3.000 euro, con la novità principale che sarà rappresentata però dal “bonus Befana” o “super cashback”: arriverà fino a 3.000 euro all’anno e sarà rimborsato ogni sei mesi. Il premio sarà dedicato ai 100 mila cittadini che useranno maggiormente la carta.

L'ultima del governo? Una

Conte ha anche spiegato nel dettaglio che a essere premiati non saranno gli italiani che spenderanno di più in un colpo solo, ma quelli che effettueranno un maggior numero di transazioni, anche di piccolo importo. Estraete la carta dal portafogli il più spesso possibile, insomma, e potreste ricadere nell’elenco dei fortunati vincitori. Un meccanismo, quello del cashback, che era stato proposto nel decreto Agosto con l’obiettivo di ridurre la circolazione del contante contrastando così l’evasione fiscale.

L'ultima del governo? Una

Il piano faceva già parte dell’ultima legge di Bilancio ed entrerà in vigore il prossimo 1 dicembre. In un primo momento l’esecutivo aveva pensato di rimborsare solo le spese per alcune categorie specifiche, quelle considerate più a rischio evasione, ma si è poi deciso di estendere il rimborso a qualsiasi spesa. Con tanto di premi per una ristretta cerchia, come alla lotteria. Come piano per aiutare gli italiani, provati da mesi di lockdown e restrizioni, non c’è male.

Ti potrebbe interessare anche: E il virologo si fece politico: Lopalco nominato assessore alla Sanità in Puglia