livorno,-chiesta-la-riduzione-della-tari-per-le-imprese-ristorative-e-turistiche

Livorno, chiesta la riduzione della Tari per le imprese ristorative e turistiche

Richiesti dall’associazione al Comune anche l’azzeramento del suolo pubblico e l’introduzione dei Livorno travel bond per i turisti che pernottano di più

Tiziana Del Monaco del ristorante ’La Miniera’ è rappresentante di Tni

Tiziana Del Monaco del ristorante ’La Miniera’ è rappresentante di Tni

Tiziana Del Monaco del ristorante ’La Miniera’ è rappresentante di Tni

Tiziana Del Monaco del ristorante ’La Miniera’ è rappresentante di Tni

Livorno, 18 luglio 2022 – Imprese del mondo horeca ancora distrutte dalle conseguenze delle restrizioni introdotte per arginare la pandemia: perciò Tni proporrà all’amministrazione comunale in un incontro che si terrà il prossimo 27 luglio, di Livorno una riduzione della Tari in proporzione al calo di fatturato registrato nel biennio 2020-2021; l’azzeramento del suolo pubblico fino al 31 dicembre 2022,  con la possibilità, per chi non ha goduto di questa agevolazione, di ottenere la riduzione di almeno il 50% della quota fissa della Tari;  e infine l’introduzione dei “Livorno travel bond”, ovvero di buoni spendibili nelle strutture ricettive, bar, ristoranti, gelaterie presenti nel comune, da distribuire a quei turisti che pernottano di più sul territorio livornese.  Per rendersi conto di quanto gravi la Tari su un’impresa ristorativa, basta considerare che un bar livornese spende mediamente 1.400 euro l’anno e un ristorante di 100 metri quadrati, con giardino, più di 6mila euro l’anno. “Siamo in piena emergenza economica. In una fase di rincari generalizzati, con le bollette della luce in aumento esponenziale (fino al +270% a giugno 2022 rispetto allo stesso mese 2021), servono misure da mettere in campo immediatamente a sostegno delle imprese della ristorazione, anche a livello di enti locali, a partire da un intervento sulla Tari – spiegano la presidente della Toscana dell’associazione Tiziana Del Monaco e il segretario regionale di Tni Italia Francesco Ricciardi – I costi in questo contesto di crisi economica sono insostenibili. Per questo abbiamo avanzato alcune proposte al Comune di Livorno, che lo scorso anno ha dimezzato la Tari. Quest’anno si prevede invece un aumento, attorno al 7%». Tni Italia peciò chiede la riduzione della Tari in proporzione al calo di fatturato certificato dai bilanci 2020 e 2021 rispetto al bilancio 2019 nel caso delle società di capitali, mentre per le altre aziende attraverso il calo sui corrispettivi: «Ad esempio, nel caso di …

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi

Scopri gli altri abbonamenti online e l’edizione digitale.Vai all’offerta

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.