La scienza si spacca sul vaccino. E per alcuni esperti l’immunità di gregge “è impossibile”

la-scienza-si-spacca-sul-vaccino.-e-per-alcuni-esperti-l’immunita-di-gregge-“e-impossibile”

Nel caos di questi giorni, scandito dal susseguirsi di annunci trionfali del governo per l’arrivo del vaccino e delle preoccupazioni di alcuni esperti meno ottimisti sulla fine della pandemia, barcamenarsi è diventata impresa ardua. Quasi impossibile. Di certa c’è però la grande confusione che sta segnando anche il mondo della scienza, un po’ come era successo d’altronde all’inizio della pandemia. E allora ecco che l’agnognato traguardo dell’immunità di gregge, espressione tante volte sbandierata in questi mesi difficili, diventa un po’ meno nitido all’orizzonte.

La scienza si spacca sul vaccino. E per alcuni esperti l'immunità di gregge

Prendere per esempio le dichiarazioni rilasciate in queste ore da Nino Cartabellotta, presidente della fondazione Gimbe che monitora in maniera indipendente l’impatto del Covid sul nostro Paese sin dall’inizio della pandemia. Al Corriere della Sera, Carabellotta si è detto preoccupato per la terza ondata in arrivo, ha attaccato il governo per delle decisioni arrivate “troppo tardi” e ha spiegato: “Il vaccino? Con i contratti che sono stati siglati fino ad oggi possiamo vaccinare circa il 5% della popolazione entro marzo e meno del 20% entro giugno”. L’immunità di gregge è quindi “ancora lontana. La comunicazione istituzionale dovrebbe diffondere la massima fiducia nel vaccino, senza sbilanciarsi in previsioni irrealistiche, visto che anche le persone vaccinate devono mantenere tutte le misure di prevenzione”.

La scienza si spacca sul vaccino. E per alcuni esperti l'immunità di gregge

Ancora meno ottimista è però stata l’analisi della dottoressa Antonella Viola, ospite del programma Otto e Mezzo di Lilli Gruber su La7. Che ha pronunciato parole inattese, capaci di gelare la stessa conduttrice: “L’immunità di gregge è impossibile”. Il motivo? “Perché non c’è a disposizione ancora un vaccino per i ragazzi, non avendone sperimentato nessuno per gli under 16. L’immunità senza di loro non si potrà mai raggiungere”.

La scienza si spacca sul vaccino. E per alcuni esperti l'immunità di gregge

Un’analisi, quella della dottoressa Viola, figlia del fatto che al momento ci sono soltanto vaccini raccomandati per la somministrazione agli over 16 (Pfizer) e addirittura agli over 18 (Moderna). Difficile stabilire con certezza da che parte sia la ragione. Di sicuro, anche tra gli esperti c’è molta incertezza. E gli annunci di un governo che si batte le mani da solo sembrano sempre più fuori luogo.

Ti potrebbe interessare anche: Cambiare sesso sarà più facile. Arrivano le terapie ormonali gratuite