Sport

La MotoGp copia la F1: vuole introdurre la comunicazione fra piloti e box. Rossi: «Un aiuto»

la-motogp-copia-la-f1:-vuole-introdurre-la-comunicazione-fra-piloti-e-box.-rossi:-«un-aiuto»

Come in Formula 1, anche la MotoGp vorrebbe introdurre le comunicazioni radio coni i piloti. Principalmente per motivi di sicurezza, quindi per consentire alla direzione gara di mandare avvisi su bandiere gialle, incidenti ed eventuali penalizzazioni.

Ma in futuro, come ha ammesso Carmelo Ezpeleta, gran capo della Dorna che organizza il Motomondiale, anche per permettere il dialogo tra il box e chi sta in sella alla moto. Proprio come già succede con Hamilton e compagni. Un primo esperimento è stato svolto a Misano nel week end scorso con l’aiuto di Stefan Bradl collaudatore Honda che sostituisce momentaneamente l’infortunato Marquez. «Chiaramente è un prototipo – ha spiegato Ezpeleta – ll sistema e gli auricolari sono al primo step di evoluzione e verranno migliorati».

Il test è in programma con altri piloti anche martedì, nell’unica giornata di prove ufficiali della Motogp. I pareri degli interessati sono per lo più positivi. «Nelle corse in auto funziona e penso che possa aiutarci anche con le moto» ha spiegato Rossi sulla falsariga di quanto detto da Dovizioso che sottolinea però alcune criticità: «Se troveranno un modo per renderlo confortevole, penso sia ok – ha detto il forlivese -, ma non credo sia adatto a parlare come avviene in F1. La MotoGp è diversa, sul dritto loro viaggiano come in autostrada… Vedremo come gestire la cosa. Certo, più informazioni sono comunque un vantaggio».

Positivo il parere di Franco Morbidelli: «È un buono sviluppo per il futuro e anche per la sicurezza. Vedremo se riusciremo a usarlo per altri messaggi o per far parlare il pilota». Più cauto Fabio Quartararo: «È già abbastanza difficile guidare senza che qualcuno ti parli». Il francese della Yamaha è piuttosto dell’opinione che andrebbero migliorate le comunicazioni già visualizzate sul cruscotto. A tal proposito la Dorna sta lavorando con la Fim e i circuiti per avere anche dei pannelli a Led a bordo pista, per rendere più visibili i colori delle bandiere di sicurezza.

15 settembre 2020 (modifica il 15 settembre 2020 | 14:53)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *