La Boschi ha gli sms tra lei e Conte ma non vuole darli a Renzi. Tutto risale al 2013…

la-boschi-ha-gli-sms-tra-lei-e-conte-ma-non-vuole-darli-a-renzi.-tutto-risale-al-2013…

Quanti retroscena vengono fuori in queste ore di trattative serrate, di calciomercato della politica per tenere in piedi un governo vergognoso. Il Fatto Quotidiano svela da dove è partito il rapporto Conte-Renzi. Risale ad un pranzo a Firenze nel 2013, e – udite udite – a presentarli fu Maria Elena Boschi, quella a cui secondo altri retroscena svelati da Renzi stesso Conte avrebbe offerto la Giustizia per far fuori Bonafede. “Buongiorno Matteo, ti presento il professor Giuseppe Conte”: quando Maria Elena Boschi porta a metà del 2013 il professor Conte dell’Università di Firenze al cospetto del sindaco di Firenze, Renzi non è ancora presidente del Consiglio… (continua a leggere dopo la foto)

Ricorderete, stava per candidarsi alle primarie del Pd per prendersi il partito e l’Italia con il benservito a Enrico Letta e il 40,8% alle Europee del 2014. Tutti volevano conoscere il “Royal Baby”, come lo chiamava Giuliano Ferrara. “Giuseppe Conte – prosegue il Fatto – ha sempre avuto un effetto divisivo tra Matteo e Maria Elena. Dentro Italia Viva si racconta che Renzi avrebbe chiesto più volte alla sua ex ministra i messaggini scambiati con Conte quando era solo un professore di Diritto”. (continua a leggere dopo la foto)

Ti potrebbe interessare anche: “No alle chiusure!” La procura di Modena restituisce le chiavi alla palestra di #IoApro

Scrive il giornale che Renzi sperava forse di trovare in quegli sms, oltre ai complimenti per la nomina a ministro delle Riforme, una traccia di sostegno per le riforme stesse o di solidarietà per le polemiche su Banca Etruria. L’uscita sui giornali di qualcosa di simile (ove esistesse) avrebbe potuto incrinare l’immagine di Conte agli occhi del M5S. Nell ’estate 2019, – prosegue il Fatto – quando Matteo fa la mossa del cavallo e crea dal nulla il governo giallorosa, subito pone il veto al Conte- bis e mette in pista Raffaele Cantone (il pm che tuttora preferirebbe all’avvocato di Palazzo Chigi) e solo quando capisce che senza Conte rischia le elezioni con un Pd in mano a Zingaretti, Renzi capitola e rinvia la resa dei conti con Conte dopo la scissione del suo partito dal Pd. (continua a leggere dopo la foto)

“Con Conte ci parla Maria Elena” è la frase che Renzi ha detto più volte in questi anni, sia quando è nato il governo giallorosa, sia quando si è parlato di farlo finire. In questa fase politica nulla è scontato. Il leader di Italia Viva ha una prospettiva individuale ben diversa da quella della sua capogruppo alla Camera… E ora tutti vogliono conoscere questi sms di Conte alla Boschi.

Ti potrebbe interessare anche: “Non dovevano chiedere gli arretrati”. Maximulta dell’Antitrust a Eni ed Enel