italia,-mancini-pronto-a-un’altra-scommessa:-kean-contro-la-polonia,-immobile-sfida-lewandowski

Roberto Mancini vuole sfruttare il momento. Mai l’Italia, dai tempi di Vittorio Pozzo, è stata così prolifica e l’allenatore, domani sera contro la Polonia, è tentato dall’idea di dare ancora più peso al tridente d’attacco, orfano dell’infortunato Insigne. Nell’ultimo allenamento a Coverciano, prima che la squadra raggiungesse Venezia da dove questa mattina volerà a Danzica, il ct ha provato Moise Kean, che è il suo pallino.

L’ex bianconero, appena passato al Psg dove si misurerà con il talento sconfinato di Neymar e Mbappé, in Nazionale ha giocato 5 partite e segnato 2 gol. Lunedì il prescelto sembrava Lorenzo Pellegrini che adesso, nelle gerarchie, scivola dietro Kean in un tridente con Chiesa e un centravanti, forse Immobile, che vorrebbe sfidare Lewandowski dopo avergli sfilato la Scarpa d’oro.

Kean è in fibrillazione. «Mi alleno per farmi trovare pronto e andare a vincere l’Europeo», confessa alla Rai. In realtà il giovane attaccante l’anno scorso ha vissuto una stagione negativa in Inghilterra ed è chiamato a riscattarla a cominciare da domani sera, se Mancini lo farà giocare. L’Italia segna 2,4 gol a partita, ma nelle ultime 13 la media è stata di 3 reti ogni 90’. Kean deve sfruttare l’onda e prendersi il futuro. Sarebbe un’altra scommessa vinta dal c.t.

9 ottobre 2020 (modifica il 9 ottobre 2020 | 23:12)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *