Il governo limita sempre di più la circolazione del contante e ci dice che la disposizione è fatta per combattere l’evasione…

il-governo-limita-sempre-di-piu-la-circolazione-del-contante-e-ci-dice-che-la-disposizione-e-fatta-per-combattere-l’evasione…

di Salvatore Cincotta.

Il governo limita sempre di più la circolazione del contante e ci dice che la disposizione è fatta per combattere l’evasione…

Secondo me non è proprio così e lo dimostra il ritiro costante delle banconote di grosso taglio 500/200 e ormai anche 100 euro, che ha preceduto le ultime restrizioni in merito all’uso del contanti. MIRANO AD AVERE IL TOTALE CONTROLLO DEL NOSTRO DENARO.

Se davvero il loro intento fosse quello di combattere l’evasione basterebbero pochi e decisi provvedimenti:

1) Riduzione del carico fiscale sulle imprese e sui cittadini per rendere le tasse “pagabili da tutti”.

2) Multa da 200 euro al consumatore che acquista senza scontrino e/o fattura per qualunque importo.

3) Multa da 5000 euro all’esercente che vende senza scontrino e/o fattura per qualunque importo con chiusura del locale per tre mesi alla prima contestazione e chiusura totale dell’attività alla seconda.

4) Libera circolazione del denaro contanti utilizzabile per acquisti e pagamenti sino a 3.000 euro. Superato questo limite, l’Iva applicata sull’acquisto sarà del 28% anziché 22% calcolata sul valore eccedente i 3.000 euro. In tre secondi è scomparsa l’evasione fiscale e si riesce a recuperare il 6% sui pagamenti effettuati oltre i limite dei 3.000 euro di denaro contante.