i-virologi-candidati,-la-nuova-ondata-in-politica

E venne l‘ora dei virologi. La politica, eternamente in crisi di popolarità, si guarda intorno a caccia di nuovi volti che portino voti. Pierluigi Lopalco ha aperto la breccia. Le voci su una sua candidatura a fianco di Michele Emiliano per le prossime regionali rimbombano. L’epidemiologo fa capire che l’idea gli piace: «Se la società civile deve prendere posizione, chi più degli scienziati può dare un significato vero a queste parole? La scienza deve mettersi a disposizione della politica». La difesa preventiva di un suo impegno è arrivata subito dai colleghi Fabrizio Pregliasco e Matteo Bassetti. «Dalla scienza — dice il primo — possono arrivare nuove prospettive e nuove forze per contribuire all’autorevolezza delle istituzioni». Parole che seguono le mille dichiarazioni scientifiche sui media, la presenza quasi quotidiana in tv negli oltre quattro mesi di emergenza in un Paese ansioso di sapere. Figure diventate familiari che sono tentate dalla politica ma soprattutto tentano la politica, alla ricerca di nomi popolari e rassicuranti. Come già successe negli anni 90, quando il Palazzo delegittimato da Mani pulite andò alla ricerca dei magistrati, soprattutto di quelli che avevano messo sotto accusa l’avversario. Con la crisi di credibilità i partiti poi andarono a pescare, qualche volta a strascico, nella società civile, a partire dalle aziende. Un invaghimento con alti e bassi che probabilmente ha visto chiudersi il cerchio nel 2008, quando il Pd candidò Massimo Calearo, fresco di presidenza della Federmeccanica, l’associazione degli industriali protagonista di duri confronti con il sindacato caro ai dem. Poi ci fu la carica dei docenti universitari. La cattedra diventò la voce da mettere in grassetto sul curriculum e da allora si riempirono con la qualifica «prof.» le liste. Una nuova era destinata a concludersi. E i virologi che scenderanno in campo dovranno stare attenti alle previsioni sulla prossima ondata. Basta guardare la parabola dei magistrati: entrati a decine in Parlamento, oggi sono tre su quasi mille eletti.

10 luglio 2020 (modifica il 10 luglio 2020 | 13:56)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *