giorgia-meloni-risponde-a-chiara-ferragni:-“aborto?-vogliamo-dare-a-donne-il-diritto-a-non-farlo”-–-il-riformista

Giorgia Meloni risponde a Chiara Ferragni: “Aborto? Vogliamo dare a donne il diritto a non farlo” – Il Riformista

Bonino: “Se vince spingerà per non far applicare la 194”

Redazione — 15 Settembre 2022

Giorgia Meloni risponde a Chiara Ferragni: “Aborto? Vogliamo dare a donne il diritto a non farlo”

Torna a parlare dell’aborto Giorgia Meloni dopo le “curiose ricostruzioni di donne con appelli alle donne” e “dicono che come eventuale primo premier donna non sarei davvero una donna perché toglierei diritti alle donne”. Il riferimento è alle storie Instagram dell’influencer Chiara Ferragni ma non solo. “Quali diritti, nel nostro programma, dovremmo togliere? L’Aborto? No, non tocchiamo nulla, diciamo solo alle persone che potrebbero essere indecise che si possono fare scelte diverse. Noi aggiungiamo diritti” ha provato a chiarire la presidente di Fratelli d’Italia nel corso del suo comizio in programma mercoledì a Genova.

“Vogliamo dare il diritto alle donne che pensano che l’aborto sia l’unica scelta che hanno, di fare una scelta diversa. Non stiamo togliendo un diritto ma aggiungendolo” ha aggiunto Meloni. In sintesi: daremo alle donne il diritto a non abortire. Poi, intervistata dal Tg di La7, ribadisce: “Non voglio abolire la 194, non voglio modificarla, ma applicarla integralmente anche nella parte che riguarda la prevenzione. Il che significa aggiungere diritti non toglierli”.

Secondo Emma Bonino (+Europa), “il diritto all’aborto in Italia non è a rischio a livello legislativo” ma “tra chi abolisce l’aborto attraverso la corte costituzionale, come Trump, e chi con altri mezzi come in Polonia, noi abbiamo scelto la terza via: non applichiamo la legge. Ci sono intere regioni dove la legge 194 non esiste, perché i ginecologi sono tutti obiettori. Parlo delle Marche, governate da Fratelli d’Italia, ma non solo”.

“L’idea qui in Italia – commenta amaramente Bonino parlando con i giornalisti stranieri – è che bisogna partorire con dolore e abortire sotto tortura. E credo che Giorgia Meloni, che ha questa ideologia Dio- Patria-Famiglia, qualora dovesse vincere non metterà in discussione la legge 194, ma spingerà per non farla applicare. In Ungheria oggi a Orban è venuta fuori l’idea di far sentire il battito cardiaco del feto, magari Meloni lo copierà. Ma non credo che Meloni metterà in discussione la 194: penso che lo farà in modo più subdolo e quindi più difficile da contrastare”.

In precedenza era tornata per la seconda volta in poche settimane in campagna elettorale Chiara Ferragni. Dopo il primo, frontale, attacco a Fratelli d’Italia, l’influencer condivide un nuovo post dove invoglia i cittadini ad aprire il cervello, criticando la politica del centrodestra. “Fate sentire la vostra voce il 25 settembre. La tua voce è essenziale” si legge tra le storie di Instagram dove ha condiviso il post di ‘apriteilcervello’, profilo che si definisce “antifascista, antirazzista e support Lgbt+”.

“Da leggere tutto”, si limita a dire l’influencer, che a fine agosto aveva criticato Fratelli d’Italia sull’aborto negato nelle Marche. “I partiti di Salvini, Meloni, Berlusconi – si legge – sono gli stessi che poche settimane fa al Parlamento europeo hanno votato contro una risoluzione che chiedeva di condannare l’abolizione del diritto di aborto negli Stati Uniti”. L’invito del post è a “combattere l’apatia”: “le elezioni, che per molti porteranno alla formazione di un nuovo ‘governo corrotto’, per milioni di noi sono l’inizio di tutt’altro”.

Redazione

© Riproduzione riservata

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.