Sport

Genoa, Rolando Maran nuovo allenatore al posto di Davide Nicola

genoa,-rolando-maran-nuovo-allenatore-al-posto-di-davide-nicola

Come atteso dopo l’addio a Davide Nicola, che mercoledì ha ringraziato società , staff e tifosi sui suoi profili social, il Genoa ha annunciato la nomina del nuovo allenatore che sarà Rolando Maran. L’ex tecnico di Catania, Chievo e Cagliari, ha firmato un contratto biennale e come ha spiegato nella nota di presentazione la società sul proprio sito «Il suo insediamento è previsto in occasione del ritorno all’attività dei giocatori, a conclusione del secondo ciclo di esami medici funzionali all’inizio della preparazione». Secondo ciclo che dovrebbe concludersi nella giornata di giovedì.

«Il Presidente Enrico Preziosi e la Società formulano all’allenatore auguri di buon lavoro – prosegue la nota della società rossoblu’ -».

Classe 1963, dopo una discreta carriera da giocatore, in particolar modo con la maglia del Chievo, l’allenatore trentino entra nello staff tecnico della squadra gialloblù nel 1997 come vice di Baldini. Nel 2002 la prima esperienza come primo allenatore al Cittadella, quindi nel 2005 la chiamata del Brescia dove però viene esonerato. Nel 2006 è la volta del Bari, ma il rapporto con il club pugliese si risolve anche in questo caso con un esonero, poi due anni alla guida della Triestina con buoni risultati. Due stagioni positive a Vicenza con altrettante salvezze conquistate gli valgono il trasferimento al Varese: coi lombardi sfiora la Serie A fermandosi in finale play-off, ma ottiene comunque la panchina di un club del massimo campionato pochi mesi dopo. Si tratta del Catania, con cui fa registrare il record di punti nella stagione 2012-13, poi il doppio esonero nell’annata successiva, chiusa con la retrocessione degli etnei. Nel 2014 Maran firma per il Chievo: tre salvezze di fila, poi una stagione negativa che spinge Campedelli ad esonerarlo ad aprile. Nel 2018 Giulini gli affida la panchina del Cagliari, dove raggiunge una salvezza tranquilla tra alti e bassi nel primo anno. La seconda stagione in Sardegna parte bene ma a marzo, dopo 11 gare senza vittorie, arriva il divorzio.

26 agosto 2020 (modifica il 26 agosto 2020 | 19:16)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *