diritti,-giudici-e-avvocati-messi-spalle-al-muro:-un-convegno-evento-sul-“trauma”-del-dl-semplificazioni

Il “sindacato” delle toghe chiede al guardasigilli Bonafede di «estendere il ricorso alla videoudienza anche nel penale: il difensore avanzi richiesta motivata se vuole svolgerla in presenza». Ma dall’istituzione forense e dal presidente dell’Unione Camere penali Gian Domenico Caiazza arriva un altolà: «Non può essere il giudice a stabilire in che modo va esercitato il diritto di difesa»

In una delibera approvata giovedì, il Coa presieduto da Giovanni Immordino esprime vicinanza alla categoria, che a inizio dicembre si fermerà per protestare contro la mancanza di coperture previdenziali e retributive adeguate: «La funzione di Got e Vpo è di vitale importanza»

Mercoledì la Corte costituzionale ha “promosso” lo stop retroattivo ai termini di estinzione dei reati previsto nella fase 1 del lockdown. Il deputato di Azione Enrico Costa: «C’è il rischio che i giudici applichino ai vecchi reati anche il blocca-prescrizione di Bonafede: subito un emendamento per scongiurare la deriva»

Da martedì prossimo tutti i difensori dovranno comunicare per posta elettronica «in tempo apprezzabilmente anteriore» il loro arrivo a palazzo di giustizia. Lo hanno stabilito presidente e pg. Motivo: individuare tutti in caso di focolaio. «Ma se il trattamento è saltato da mesi…», chiosano i penalisti

INTERVISTA. «Parole molto gravi», così la deputata reggina del Movimento definisce le accuse rivolte da Nicola Morra ai calabresi, colpevoli secondo lui di aver eletto Jole Santelli nonostante sapessero che era malata di tumore. «Non si possono ghettizzare le persone in base alle condizione di salute, non bisogna allegare la cartella clinica prima di candidarsi.»

Pierantonio Zanettin, capogruppo di Forza Italia nella commissione Giustizia di Montecitorio ed ex laico Csm, si interroga soprattutto sul caso degli ex togati Forciniti e Galoppi, finiti nel mirino del pg Salvi per aver “spinto” in Parlamento una leggina di cui poi si avvalsero. «Può essere un illecito deontologico ma non certo disciplinare. Colpite di nuovo “Mi” e Unicost, risparmiata la sinistra giudiziaria», dice il deputato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *