crotone-milan-0-2,-le-pagelle:-calhanoglu-inventa-a-ogni-tocco,-diaz-scaltro,-rebic-si-lussa-il-gomito

Il Milan, anche senza Ibra, ha battuto il Crotone in trasferta, con i gol di Kessie (rigore procurato da Rebic che poi si farà male a un braccio) e del nuovo acquisto Diaz.

Crotone

5,5

Cordaz Tiene in piedi i suoi con due interventi decisivi, poi va a fondo insieme agli altri.

5,5
MagallanArriva dall’Ajax, in prestito, in Argentina tempo fa lo chiamavano «il nuovo Samuel». Soprannome eccessivo.

5
Marrone Sorpreso sul primo gol rossonero, legge male il lancio e stende Rebic. Errore che pesa e che condiziona tutta la partita.

5,5
GolemicAvvio discreto, poi smarrisce lucidità.

5,5
Pereira Ben in spinta, lascia troppo spazio alle spalle.

6
MessiasL’ex fattorino ha piedi e personalità, ma i compagni non lo seguono mai.

5,5
CigariniCerca di dare una logica al centrocampo, ma ci riesce solo a strappi. Sciagurato l’assist involontario per Diaz.

5
Zanellato Cresciuto nel settore giovanile del Milan, ci tiene a far bella figura. Resta un proposito.

6
MolinaTerzino aggiunto, impeccabile nella fase difensiva.

5
SimyPasticcia troppo col pallone, il gigante nigeriano. Finisce per marcarsi da solo.

5,5
DragusVentun anni, romeno, mostra esuberanza e idee quando ha palla al piede. Quando non ce l’ha, svanisce in un buco nero.

5
EduardoUn disastro: entra e si fa sgraffignare subito la palla fatale del raddoppio. La partita finisce lì.

5
StroppaIl suo Crotone si sveglia nel finale, ma è tardi. C’è molto da rivedere, serve qualcosa anche dal mercato, là davanti.

Milan

6 G. Donnarumma Sorveglia il reparto, i suoi urlacci servono a tenere vispi i colleghi.

6,5
Calabria Reattivo, intraprendente. S’accampa nella metà campo crotonese, praticamente un’ala aggiunta. Ottimo avvio di annata.

6,5
Kjaer Tecnica e mestiere. Errori, zero.

6
GabbiaStavolta resta sul pezzo per un’ora e mezza. Prove di crescita.

6,5
Theo HernandezPropulsione costante. Sua la giocata che fa svoltare la domenica del Diavolo: lancio capolavoro.

6,5
KessieFreddo come un ghiacciolo sul calcio di rigore. Si conferma uno specialista.

6
TonaliLa stoffa c’è, la visione anche. Ma può crescere, deve crescere.

6
SaelemaekersIncide a strappi.

6,5
CalhanogluOgni palla che tocca è un’idea, un’intuizione, un pericolo. Poi cala un po’ di tono: inizia a sentire la stanchezza.

6,5
Diaz Debutto da titolare, subito in gol. In area ci sa fare, ha tempismo e scaltrezza.

6,5
RebicAcchiappa il rigore, poi tiene in ansia la difesa fino a quando non inciampa cadendo male sul braccio: lussazione del gomito.

6
ColomboDentro a freddo al posto di Rebic, dà il suo contributo.

5,5
BennacerEntra molle.

6
CastillejoQualche sgommata.

7
PioliQuattro vittorie su quattro, il Milan c’è. Anche senza il suo leader.

27 settembre 2020 (modifica il 27 settembre 2020 | 21:10)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *