colpito-alla-testa-da-un-bus-a-cagliari,-morto-un-uomo-di-31-anni

Colpito alla testa da un bus a Cagliari, morto un uomo di 31 anni

Colpito alla testa da un bus a Cagliari: il 31enne Remesha Martin Elvis King è morto dopo aver trascorso ore a lottare tra la vita e la morte.

colpito testa bus Cagliari

Colpito alla testa da un bus a Cagliari: il 31enne Remesha Martin Elvis King è morto dopo aver trascorso ore a lottare tra la vita e la morte. La famiglia ha scelto di donare gli organi della vittima.

Colpito alla testa da un bus a Cagliari, morto un uomo di 31 anni

Remesha Martin Elvis King è morto all’età di 31 anni dopo essere stato colpito da un autobus del Ctm. Al momento dell’impatto, l’uomo stava correndo verso la fermata situata in viale Diaz a Cagliari. Il 31enne, nato in Burundi ma residente nella città sarda da quando era piccolo, è infine deceduto all’ospedale Brotzu presso il quale era stato ricoverato in Rianimazione. Le condizioni del paziente erano apparse da subito disperate ma il giovane ha lottato per ore tra la vita e la morte.

In seguito alla morte della vittima, i familiari hanno firmato per il prelievo e la donazione degli organi.

Dinamica

Sulla base delle informazioni sinora diffuse, pare che nella mattinata di sabato 6 agosto il 31enne si trovasse in compagnia di altre due persone in viale Diaz e stava correndo per raggiungere la fermata e riuscire a prendere l’autobus. Una delle ragazze che si trovava con la vittima ha improvvisamente perso gli occhiali.

Remesha Martin Elvis King si è chinato per raccoglierli quando è presumibilmente scivolato dal marciapiede nell’instante in cui stava arrivando il bus. Il mezzo lo ha quindi colpito alla testa.

La vittima è stata dapprima soccorsa da un carabiniere del Radiomobile di Cagliari che gli ha praticato il massaggio cardiaco e, successivamente, dai sanitari del 118 che lo hanno portato in ospedali.

Il 31enne era molto noto a Cagliari: aveva lavorato come barman e cameriere in diversi locali ed era un volontario e mediatore culturale della Caritas.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.