politica

Ciarambino: sfido Caldoro e De Luca in un confronto. Costa: Campania maglia nera per reati ambientali

ciarambino:-sfido-caldoro-e-de-luca-in-un-confronto.-costa:-campania-maglia-nera-per-reati-ambientali
regionali IL MINISTRO ALL’AMBIENTE PRESENTA CANDIDATA M5S

Mezzogiorno, 9 luglio 2020 – 14:26

La candidata M5S: «Smantellatori seriali della sanità campana». Il ministro: «Da Pianura alle ecoballe le competenze sono della Regione»

NAPOLI – Valeria Ciarambino, candidata alla presidenza della Regione Campania per i 5 stelle, dà il via alla propria campagna elettorale («La tua scelta che Vale» il claim) riunendo gli attivisti del movimento al teatro Sannazaro di Napoli. Ospite il ministro pentastellato all’Ambiente Sergio Costa.

Nel mirino il Presidente uscente Vincenzo De Luca e il candidato del centrodestra ed ex governatore Stefano Caldoro. «Li sfido – ha detto il capogruppo dei 5Stelle in Regione – a un confronto sui contenuti prima della pausa estiva e rinnovo l’appello a firmare liste pulite perché non vogliamo gente con precedenti penali in Consiglio Regionale».

«Loro – ha proseguito – in qualità di smantellatori seriali della Sanità, sono i principali responsabili dello sfascio con la Campania ultima in tutte le classifiche. Noi vogliamo fare della nostra regione la Polonia d’ Italia, una terra in grado di attirare investimenti attraverso una serie di bonus per le imprese».

Ed ancora: «De Luca parla di Baviera per la Campania, ma la Baviera ha una disoccupazione del 4 per cento qui si può essere iscritti per dieci anni in un centro per l’impiego senza ricevere una sola offerta di lavoro».

E il ministro Costa: «In Campania occorre una rivoluzione ambientale. Le competenze ambientali, per legge costituzionale, sono per la stragrande maggioranza della Regione. Ciò che non si fa per la bonifica di Pianura, per la Resit di Giugliano, per le ecoballe, il Sarno, i Regi Lagni, non è responsabilità del Ministero dell’Ambiente ma della Regione». Così il delegato all’Ambiente a Napoli per dare sostegno alla candidata Ciarambino.

«Siamo qui -ha aggiunto il ministro – a sostenere Valeria perché oltre la qualità della persona c’è la qualità del pensiero. È il momento che la Regione su questo svolti, cambi il paradigma operativo. Vi faccio un esempio: ho chiesto in Europa i fondi di Sviluppo e Coesione, ho chiesto un miliardo di cui 500 milioni per i Regi Lagni e 500 per il Sarno su questioni che sono prettamente della Regione, li ho chiesti io per poterli poi sanificare l’uno e l’altro. Li abbiamo ottenuti e non è poco, dobbiamo servire il cittadino ma ognuno faccia il suo».

9 luglio 2020 | 14:26

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *