chelsea,-lampard-ha-paura-degli-spioni-e-fa-installare-le-telecamere-al-campo-di-allenamento

Lo hanno fregato una volta, quindi perché rischiare che la storia si ripeta? Nel gennaio del 2019 Frank Lampard era infatti alla guida del Derby County e prima della sfida con il Leeds aveva beccato degli spioni di Marcelo Bielsa a vedere il suo allenamento (scorrettezza che al club dello Yorkshire era costata una multa di 200.000 sterline, pari a poco meno di 220.000 euro). Ecco perché l’attuale tecnico del Chelsea ha chiesto ai vertici Blues di installare delle telecamere a circuito chiuso al centro sportivo di Cobham, così da evitare un nuovo Spygate.

Come riporta il Sun, la domanda per la concessione edilizia volta ad aggiungere il sistema di riprese alla struttura del campo di allenamento è già stata presentata e ora si attende solo l’approvazione da parte delle autorità competenti. A quanto si legge, il progetto prevede l’utilizzo di telecamere ultra sofisticate «in grado di distinguere le immagini anche in condizioni di scarsa illuminazione, nonché termiche e a infrarossi» e di un software all’avanguardia «che garantisca l’identificazione in tempo reale e nel modo più adeguato di chiunque tenti di forzare il perimetro, fornendo uno schema non invasivo che protegga il sito da rischi identificati o violazioni della sicurezza».

In questo momento però i possibili spioni a Cobham sono solo l’ultimo dei grattacapi di Lampard: dopo l’esordio vittorioso in campionato contro Brighton, il Chelsea ha infatti ha incassato la sconfitta per 2 a 0 contro il Liverpool e nel mirino di stampa e tifosi c’è finito ancora una volta il portiere Kepa Arrizabalaga, protagonista di un pomeriggio da dimenticare. Pubblicamente il tecnico ha difeso il suo giocatore (e non avrebbe potuto fare altrimenti), ma nel frattempo ha dato il suo benestare all’arrivo di Edouard Mendy dal Rennes che, una volta completate le visite mediche e i 15 giorni di isolamento previsti dalle norme anti-Coronavirus imposte dal governo britannico a chi arriva dalla Francia, potrà prendere posto fra i pali Blues. Con buona pace delle eventuali spie presenti all’allenamento.

23 settembre 2020 (modifica il 23 settembre 2020 | 07:49)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *