Sport

Champions League, il sorteggio aiuta l’Atalanta. Per Juve e Napoli solo ottimismo moderato

champions-league,-il-sorteggio-aiuta-l’atalanta.-per-juve-e-napoli-solo-ottimismo-moderato

Molto in sintesi è stato un buon sorteggio per l’Atalanta e così così per la Juventus. In generale parliamo di cose che non abbiamo mai visto, le previsioni vengono da esperienze che non hanno niente da dividere con il calcio che sta per cominciare. La Juve per esempio è indietro di un turno, per andare avanti dovrà battere con 2 gol di scarto il Lione. Un problema normalmente risolvibile, ma nemmeno automatico. Il Lione però sarà la prima squadra nella storia della Champions ad arrivare al suo turno dopo aver giocato 2 partite in 5 mesi.

Per contro la Juve sta giocando ogni 3 giorni, cioè troppo, e in condizioni ambientali inedite. È giusto pensare che giocare troppo sia più allenante che non giocare mai, passerei così a cercare l’avversario della Juve nei quarti di finale, uno tra City e Real. Questo, è già un brutto quarto di finale, sono squadre alla pari con la Juve. Ma c’è di più: vincerlo porterebbe a una semifinale con la vincente di Bayern-Chelsea, con un Bayern quest’anno molto forte e il Chelsea solito pirata. L’ avversario dell’Atalanta, il Psg, ha giocatori eccezionali (Neymar, Icardi, Mbappè, il migliore al mondo in questo momento), ma è molto sicuro di sé e come il Lione non gioca da prima del virus. È un pessimo avversario che fa fatica a diventare squadra e, nella partita secca, dovrebbe subire la rapidità dell’Atalanta. La parte buona del sorteggio si completa con l’eventuale avversario di semifinale, Atletico Madrid o Lipsia, entrambi all’altezza della miglior Atalanta. Calcolando che a questi livelli avversari importanti sono inevitabili, direi che tra lockdown francese e qualità media degli altri, si possono avere buone speranze. Resta il Napoli, che ha ancora il ritorno col Barcellona negli ottavi. Il Barcellona sta perdendo il campionato, ma in casa e in Champions è ancora fortissimo. La traccia buona è che è una delle partite che Gattuso gioca meglio, aspettando l’avversario con due linee molto vicine e cercando di ripartire, stile finali di Coppa Italia. Ottimismo comunque molto moderato.

10 luglio 2020 (modifica il 10 luglio 2020 | 23:04)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *