centrodestra-a-vele-spiegate-ma-per-gli-italiani-qualsiasi-governo-avra-vita-breve:-l’ultimo-sondaggio-sulle-elezioni

Centrodestra a vele spiegate ma per gli italiani qualsiasi governo avrà vita breve: l’ultimo sondaggio sulle elezioni

Quella che fa registrate l’ultimo sondaggio SWG per il Tg La7 è una piccola inversione di rotta. Ancora troppo minimale, ininfluente ai fini delle proiezioni, di certo sorprendente rispetto ai sondaggi delle ultime settimane. Rispetto all’ultima rilevazione dell’Istituto (primo agosto) scendono, anche se di pochissimo Fratelli d’Italia e Partito Democratico mentre crescono i partiti a seguire. E questa è una prima notizia: la seconda è che gli italiani non hanno particolare fiducia verso qualsiasi governo uscirà dalle urne il prossimo 25 settembre.

Meloni è la leader più gradita, sempre a trainare i sondaggi e la coalizione di centrodestra che resta comunque dominante rispetto agli avversari. Altissima la percentuale di chi non si esprime (38%, seppur in calo di due punti rispetto all’ultima rilevazione) e di astensionismo dichiarato nell’indagine che non può tenere conte degli effetti sull’elettorato di centrosinistra degli stravolgimenti dell’ultima settimana nell’alleanza con l’accordo con Azione/+Europa, quello con Sinistra Italiana ed Europa Verde, lo strappo con Azione di Carlo Calenda.

La tendenza resta quella registrata da altre indagini, eccezion fatta per BiDiMedia che aveva pronosticato un sorprendente quanto a questo punto (dopo gli stravolgimenti delle ultime ore) inverosimile un sorpasso del Pd su Fdi.

E invece per Swg il partito di Meloni resta il primo partito, al 23,8%, così come il Pd resta il primo inseguitore, al 23,3%. Entrambi i partiti leader della tornata sono in calo, e di quasi mezzo punto percentuale (0,4%). Al contrario crescono pur rimanendo a distanze siderali i tre partiti inseguitori, i tre che hanno determinato la caduta del governo Draghi. La Lega è al 12,5%, il Movimento 5 Stelle è al 10,4%, Forza Italia all’8%. Tutti crescono di mezzo punto o di quasi mezzo punto.

Scende anche Azione +Europa, al 6,5%, così come Verdi e Sinistra Italiana al 3,7%. Italexit di Gianluigi Paragone, dopo la campagna acquisti direttamente dal fronte No Vax e No Green Pass, guadagna uno 0,1% e arriva al 3,3%. Italia viva cresce al 2,9&, e sfiora la soglia di sbarramento al 3%: Renzi è dato da diversi retroscena scalpitante per la formazione di un terzo polo centrista-riformista con l’ex ministro Calenda. Parecchio sotto il limite di sbarramento Impegno Civico dell’accoppiata Di Maio Tabacci, all’1,4%. Noi con l’Italia è al”1%. Altre liste al 3,2%.

Giorgia Meloni si piazza in testa alla graduatoria dei leader più graditi: 32%. E infatti Il leader del Movimento 5 Stelle Conte è secondo al 25%, seguono Enrico Letta, 23%, Matteo Salvini 23%, Carlo Calenda 20%, Silvio Berlusconi 19%. La poca fiducia degli elettori verso tutti i partiti è però il tratto che emerge più nitidamente sulla prospettiva post-voto: secondo il 45% e il 51% degli intervistati rispettivamente centrodestra e centrosinistra formeranno un governo che in ogni caso avrà vita breve.

Il 25% e il 36% ritengono persino che rispettivamente centrodestra e centrosinistra non riusciranno a formare un governo. Solo il 30% e il 13% degli elettorati hanno fiducia in un governo solido e di lunga durata. A confermare il trend il 42% degli astenuti o non sicuri di andare a votare: si dividono tra chi è indeciso e deciderà all’ultimo e chi è sicuro che non andrà a votare. Potrebbero essere loro gli obiettivi dei leader politici in queste settimane di campagna balneare, ma neanche è detto. Alle ultime elezione politiche del 2018 l’astensioni aveva superato il 27%.

L’articolo Centrodestra a vele spiegate ma per gli italiani qualsiasi governo avrà vita breve: l’ultimo sondaggio sulle elezioni proviene da Il Riformista.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.