capannori-avvia-porta-a-porta-per-rifiuti-tessili,-primo-italia-–-toscana

Capannori avvia porta a porta per rifiuti tessili, primo Italia – Toscana

Redazione ANSA CAPANNORI (LUCCA)

(ANSA) – CAPANNORI (LUCCA), 22 NOV – Capannori, in provincia di Lucca, è il primo comune italiano ad aver avviato la raccolta porta a porta dei rifiuti tessili.

    Il servizio sperimentale, partito lo scorso luglio è a cadenza bimestrale e al momento interessa alcune frazioni dove sono state tolte le campane di raccolta degli abiti usati. I cittadini possono comunque continuare a conferire alle isole ecologiche o presso i centri del riuso del territorio. A luglio sono stati raccolti 1.640 kg di materiale e con il secondo giro a settembre 2.260 kg. Durante il terzo giro di raccolta, avvenuto oggi, su circa 12.700 utenze servite sono stati raccolti 840 sacchi di materiali tessili. Alla luce dei buoni risultati della sperimentazione dal 2023 il servizio sarà esteso a tutto il territorio comunale. I dati sono stati illustrati oggi, in occasione della Settimana europea per la riduzione dei rifiuti, alla presenza del sindaco Luca Menesini, e, tra gli altri, Rossano Ercolini, coordinatore del Centro di ricerca Rifiuti zero. L’Amministrazione comunale ha poi candidato ai bandi Pnrr del ministero della Transizione ecologica la creazione di un centro di selezione di rifiuti tessili (5,4 milioni) ed è in attesa della graduatoria definitiva. Il progetto interesserà uno stabilimento con superficie coperta di circa 2mila metri quadrati con la capacità tecnologica di individuare le diverse fibre e di condurle in linee distinte di trattamento primario che provvederebbero ad una prima sanificazione e al successivo imballaggio per la spedizione verso impianti di riciclo. Il centro avrebbe una capacità di trattamento di circa 6.500 tonnellate all’anno. “Da un’analisi compiuta sui materiali presenti nei sacchi ‘grigi’ è emerso che i rifiuti tessili a Capannori rappresentano il 15% della frazione indifferenziata – ha spiegato Menesini -. Per questo insieme ad Ascit abbiamo deciso di sperimentare la raccolta porta a porta dei vestiti usati e dei rifiuti tessili che grazie ai buoni risultati fatti registrare, dal prossimo anno diventerà strutturale”. (ANSA).

   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.