Bettini (Anpas Toscana) risponde al consigliere regionale Petrucci

bettini-(anpas-toscana)-risponde-al-consigliere-regionale-petrucci

«Non si può strumentalizzare per proprio tornaconto di partito l’impegno di persone che hanno speso le loro feste al servizio dei cittadini della montagna pistoiese bloccati dalla neve. Non abbiamo bisogno di questa politica». Il presidente di Anpas Toscana, Dimitri Bettini, non ha digerito le parole del consigliere regionale Diego Petrucci (Fratelli d’Italia), ex sindaco di Abetone Cutigliano, e adesso consigliere regionale eletto nel collegio di Pisa.

«Attivare la colonna mobile della protezione civile – aveva detto Petrucci nel corso di un faccia a faccia con il consigliere Marco Niccolai (Pd) – significa ‘creare del casino’ dove già c’è una situazione d’emergenza. Ieri (il 6 gennaio scorso) pomeriggio in zona sono arrivate 150 persone con 50-60 mezzi. Ringrazio i volontari, grazie mille, ma creano solo caos sul caos. Non c’è bisogno di jeep e controjeep, servivano solo spalaneve e squadre per tagliare gli alberi».

«Ritengo indecorosa – ha detto Bettini – la gazzarra portata avanti da questo consigliere regionale, lontano dal suo collegio, per un esclusivo interesse politico. Non è un caso; a breve ci saranno le elezioni amministrative in quel comune che proprio lui (nel suo mandato da sindaco) ha lasciato per trovare, fuori da quel territorio, un comodo e remunerato scranno in consiglio regionale. Proprio per questo ogni occasione è buona per mistificare la realtà, fare propaganda.

Il mio consiglio è che vada a chiedere scusa ai nostri ragazzi e ragazze che hanno passato le feste ad aiutare la sua ex comunità. Sono ancora lì a spalare e tagliare alberi come aveva auspicato. E che trovi altra materia, non la facile demagogia, se vuole fare opposizione alla maggioranza di governo della Regione. I volontari non si toccano. Ci vuole rispetto. Siamo nel mezzo di una pandemia. Questa gente rischia sul proprio per aiutare gli altri. E lo ha fatto anche sulla montagna pistoiese. Adesso basta. Non abbiamo bisogno di questa politica».