anna-lewandowski,-la-dieta-segreta-della-moglie-di-robert:-cosi-manda-in-gol-il-bomber-polacco

Se una coppia resiste al tonno a colazione, allora forse può resistere a tutto. Di sicuro, da quando Anna Lewandowska ha iniziato il suo percorso da campionessa di karate a nutrizionista, il marito Robert ha fatto un ulteriore salto di qualità, come conferma lui stesso. E non è l’unico, perché sono diversi i nazionali polacchi a farsi dettare la dieta dalla moglie del centravanti del Bayern che ha vinto la Champions: fra tranci di pesce mangiati al risveglio, budino di riso come primo piatto a cena e altri ingegnosi sistemi per bilanciare proteine e carboidrati, dribblando latticini e glutine come fossero i peggiori avversari.

«Cosa gli do da mangiare? È un mio dolce segreto…» scherza lei, anche se a rivelare la dieta è stato qualche mese fa il compagno di Nazionale, Thiago Cionek, della Reggina.

Anna però è una stella che brilla di vita propria fin da quando si muoveva leggera e decisa sul tatami: cintura nera di karate, terza a un campionato del mondo, poi istruttrice di fitness e quindi nutrizionista , nonché blogger e autrice di diversi libri e ambasciatrice dello stesso sponsor tecnico del marito, lady Lewandowski è seguita da quasi tre milioni e mezzo di persone su Instagram, che si dividono tra le diverse pagine delle sue molteplici e redditizie attività: l’allenamento, la dieta, i negozi di cibo sano, la cosmetica e anche i prodotti per neonati, dato che da pochi mesi è arrivata in famiglia la seconda figlia della coppia.

«Bobek», che da quando è al Bayern può contare anche sul fisioterapista emiliano Gianni Bianchi, non è un predestinato del calcio come Ronaldo o Messi: a 18 anni giocava in terza serie e veniva scartato dal Legia Varsavia e ha dovuto costruirsi la carriera mattone dopo mattone, muscolo dopo muscolo. E naturalmente gol dopo gol. Adesso lo chiamano «the body» per il suo fisico scolpito — al quale ha dato altre scalpellate durante i mesi degli allenamenti domestici— ma da ragazzino era considerato troppo gracile per fare breccia nelle difese avversarie: le sessioni extra di allenamento per lui quindi sono sempre state una costante. E del resto i genitori erano insegnanti di educazione fisica, materia in cui sono laureati anche lui e la moglie, all’Accademia di Varsavia.

Anche gli affari della coppia sono sempre progrediti di pari passo: la nuova carriera di Anna è iniziata grazie a una torta al cioccolato, ovviamente a bassissimo contenuto di zuccheri, che il marito si era portato al centro sportivo, come merenda: Schweinsteiger però gliel’ha mangiata tutta e da lì è nata l’idea di produrre barrette energetiche e altri prodotti per gli atleti.

Adesso i negozi «Foods by Ann» sono «sinonimo di un approccio alla vita salutare e olistico», come spiega il sito web della catena. Lo stile alimentare diventa quindi stile di vita, legato a doppio filo all’attività sportiva. E quale migliore testimonial ci può essere del centravanti più in forma del calcio mondiale?

10 ottobre 2020 (modifica il 10 ottobre 2020 | 23:40)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *